Social

Cinema&Tv

Godzilla: l’odissea cinematografica del Giappone

Pubblicato

il

Godzilla: l'odissea cinematografica del Giappone 1

Attenzione! L’articolo presenta SPOILER inerenti alle opere che si vogliono approfondire.

Godzilla è tornato sotto i riflettori grazie ai recenti film prodotti in Giappone; ancor di più dopo la recente pubblicazione di “Godzilla Minus One” su Netflix.

Godzilla Minus One | Official Trailer | Netflix

Nel 2016 è stato rilasciato il film “Shin Godzilla“, che ha affascinato il pubblico giapponese portando alla distribuzione internazionale della pellicola. Il film è ambientato a Tokyo e mostra la città alle prese con l’attacco del mostro. Tuttavia, questa rappresentazione differisce dalle precedenti: la narrazione si concentra sugli strumenti di governo in Giappone, con il protagonista che fa parte del governo incaricato di rispondere all’attacco di Godzilla. La relazione del Giappone con gli Stati Uniti e il resto del mondo viene esplorata mentre il paese affronta la crisi.

Nel 2023 invece è uscito un altro film intitolato “Godzilla Minus One“. Diverso dal film del 2016, questa pellicola si svolge nel passato e guarda al periodo post-bellico del Giappone. Il film affronta diversi temi legati alla ricerca sofferta del Paese nipponico di un nuovo posto nel mondo dopo gli eventi della Seconda Guerra Mondiale. Mentre l’esercito è stato sciolto, gli Stati Uniti non intervengono in aiuto del Giappone, che si trova a combattere da solo contro la creatura che attacca il paese. La lotta del Paese del Sol Levante per trovare una via d’uscita è al centro del film, con Godzilla che rappresenta la sfida da affrontare per ottenere la gloria.

I film hanno il potere di sollevare interrogativi sul nostro rapporto con gli altri e con il mondo circostante. Possono influenzare il nostro modo di vedere il mondo e i cambiamenti che ci circondano, sia positivi che negativi. Anche se il film è incentrato su un mostro, la rappresentazione di Godzilla nel cinema giapponese ci dice molto sulla percezione che il Giappone ha di sé stesso e su come sono cambiati i suoi rapporti con gli altri. Guardando questi due film recenti, cosa ci dicono sul rapporto del Giappone con il resto del mondo?

Una via d’uscita per un pilota kamikaze

Il film “Godzilla Minus One” si concentra sulla storia di un pilota kamikaze. Incapace di portare a termine la sua missione, cerca rifugio e trova un’isola con una pista d’atterraggio e un gruppo di meccanici aeronautici. Subito dopo l’atterraggio del pilota, Godzilla attacca e il protagonista si trova per la prima volta faccia a faccia con il mostro. In molti modi, la creatura simboleggia il Giappone che fa i conti con la distruzione che ha causato, trovandosi ora dalla parte di chi subisce piuttosto che di chi esegue. Il gruppo di meccanici non sopravvive e il campo di aviazione sull’isola viene distrutto.

Godzilla: l'odissea cinematografica del Giappone 8

La parola “kamikaze” in giapponese significa “vento divino“. All’epoca, i giovani venivano addestrati e indottrinati con l’idea che il loro unico scopo fosse servire l’Imperatore trovando un obiettivo da colpire. Dopo la guerra, vediamo nel film questa mentalità ancora presente. Il vicino del pilota kamikaze lo accusa di essere un traditore. Il pilota si trova a riflettere sul suo scopo, dato che la guerra è finita e non è riuscito a compiere la sua missione. In Giappone ci sono ancora musei dedicati ai piloti kamikaze e alla lotta che hanno affrontato per accettare il fatto che si sarebbero uccisi per raggiungere il loro scopo.

Solo dopo la resa del Giappone e la conclusione della guerra, Godzilla attacca la città di Tokyo. Il pilota si trova con una giovane donna che ha con sé un orfano. Il Giappone inizia a rialzarsi e a ricostruirsi dopo i bombardamenti, solo per trovarsi a dover affrontare Godzilla. Con l’esercito incapace di affrontare il mostro e gli Stati Uniti riluttanti ad aiutare, il giovane pilota trova uno scopo attaccando Godzilla con un aereo, concludendo così il film. Sebbene la storia si concentri su un personaggio il cui passato lo rende più simile a un “villain“, alla fine trova una via d’uscita raggiungendo il suo scopo senza uccidersi.

La storia, a parer mio, ci insegna qualcosa sul Giappone e offre diverse lezioni sulla storia bellica del paese. Sottolinea come si possa avere uno scopo senza combattere fino alla morte, e come si possa fare senza essere strumenti di uno stato guerrafondaio. Il pilota trova una via d’uscita come padre e come personaggio più umano rispetto a come appare all’inizio. Ora ha delle persone di cui prendersi cura e un motivo per rimanere vivo oltre a uccidersi e uccidere altri con il suo addestramento da kamikaze. La transizione di questo personaggio, dalla guerra alla pace, simboleggia in un certo senso il percorso che il Giappone ha intrapreso dopo la guerra.

Riflessioni sui rapporti con il Mondo

Godzilla Minus One” è ambientato in un periodo molto difficile per il Giappone. Il percorso della nazione verso il presente è stato caratterizzato da molti alti e bassi. Nel 1960, ad esempio, un dibattito politico sulla relazione del Giappone con gli Stati Uniti si concluse con l’assassinio in diretta televisiva del leader del Partito Socialista Giapponese. In previsione dell’incidente, Asanuma, il leader del Partito Socialista, aveva visitato la Cina e dichiarato pubblicamente che gli Stati Uniti erano “il nemico comune di Cina e Giappone”. Al suo ritorno, scoppiarono proteste di massa con l’opinione pubblica fortemente contraria a qualsiasi revisione del trattato stipulato con gli Stati Uniti dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Tuttavia, “Shin Godzilla” e “Godzilla Minus One” offrono rappresentazioni interessanti delle relazioni del Giappone con gli Stati Uniti. In Godzilla Minus One, gli Stati Uniti non intervengono in aiuto del Giappone quando Godzilla viene avvistato al largo della costa e inizia ad attaccare le navi. Secondo il film, il Giappone deve affrontare Godzilla da solo. Questo ci offre una finestra su un passato alternativo in cui il Giappone è costretto a riflettere sui suoi rapporti con il resto del mondo. Il film non si sofferma molto sui motivi del non-interventismo statunitense, ma è interessante considerare che in questo mondo alternativo potrebbe non essere esistita la forte opposizione a rivedere il trattato con gli Stati Uniti. Il Giappone e gli USA rimarrebbero comunque alleati?

Godzilla: l'odissea cinematografica del Giappone 9

La foto sopra del leader socialista giapponese accoltellato da un nazionalista estremo è iconica: essa, come le opere citate, mostra i forti sentimenti dell’epoca contro il ritorno a un’epoca in cui Giappone e Stati Uniti erano nemici. Mostra il pubblico che fa i conti con i danni causati dagli eventi della Seconda Guerra Mondiale e una forte riluttanza a tornare a quella situazione. Più recentemente, la Costituzione giapponese è stata rivista per consentire alle Forze di Autodifesa di essere utilizzate senza che il Giappone venga attaccato. In “Godzilla Minus One“, gli ex membri dell’esercito sono costretti a difendere il Giappone contro Godzilla, e rapidamente rimettono in funzione le navi da guerra. Diversi personaggi esprimono riserve su questo: le cose sono cambiate da allora.

Nel 2010, il Giappone ha avuto un incidente diplomatico con la Cina. Una barca da pesca cinese è stata catturata mentre speronava le navi della guardia costiera giapponese, provocando l’arresto e la detenzione temporanea del capitano della nave cinese. La Cina ha risposto cancellando incontri ufficiali con il Giappone e trattenendo le esportazioni di materiali necessari. Alla fine, il Giappone ha ceduto e il capitano della nave da pesca è tornato a casa. La Cina ha rivendicato le isole Senkaku in risposta all’incidente, preoccupando il Giappone al punto da rivolgersi agli Stati Uniti per aiuto.

Gli eventi di “Shin Godzilla” rispecchiano questa preoccupazione del Giappone, ossia che gli Stati Uniti potrebbero decidere di non venire in suo aiuto. La diplomazia americana durante la presidenza Trump ha solo rafforzato questo timore. In “Shin Godzilla“, i funzionari giapponesi e un diplomatico americano di origine nipponica esprimono frustrazione per come gli Stati Uniti affrontano l’attacco di Godzilla. Gli Stati Uniti si allineano con altre nazioni che propongono un metodo drastico per affrontare il mostro, con gravi conseguenze per il Giappone. Ogni volta che il Giappone si trova in difficoltà, è costretto a chiedere agli Stati Uniti di rinnovare il loro impegno, soffrendo nel caso questi ultimi decidessero di prendere una strada diversa: questa angoscia è il perno tematico di “Shin Godzilla“, l’elemento attorno al quale si configura una visione vivida, ed allo stesso tempo inquieta, di un Giappone insicuro.

Avanzare con un Passato Difficile

Il 6 agosto 1945, la città di Hiroshima fu il teatro di un attacco atomico. L’evento causò immense sofferenze agli abitanti della città e le cicatrici di quell’evento vivono nel ricordo di ciò che queste armi possono fare. Quando Godzilla attacca in “Shin Godzilla“, vediamo la frustrazione dei funzionari e dei diplomatici di origine giapponese perché il mondo decide che il modo migliore per uccidere il mostro è bombardare Tokyo. Durante il film, il diplomatico americano risponde con shock quando viene informato dei piani. Godzilla rappresenta una minaccia reale, ma l’idea di sganciare una terza bomba nucleare sul Giappone sembra un passo troppo lungo. Al pubblico viene ricordato questo con un breve flashback a fotografie scattate immediatamente dopo il bombardamento di Hiroshima.

Godzilla: l'odissea cinematografica del Giappone 10

Il film arriva a un punto cruciale e i funzionari governativi devono trovare una soluzione per evitare di vedere Tokyo bombardata. Inizialmente, l’esercito giapponese fatica a gestire Godzilla. Una scena mostra carri armati e droni militari che tentano di uccidere il mostro. Godzilla rimane vivo e continua a distruggere la città. Mentre la stessa viene evacuata ed inizia a svuotarsi, il governo elabora un piano per congelare la creatura utilizzando un metodo speciale ideato dai funzionari governativi. Il piano ha successo.

Parte del film riguarda la relazione del Giappone con il resto del mondo, ma un’altra parte evidenzia marcatamente il progresso e la forza di volontà del Giappone. Piuttosto che essere sotto il controllo degli Stati Uniti e rivivere la tragica storia, il Giappone è in grado di prendere decisioni autonome che evitano il bombardamento nucleare di Tokyo. Il film forse rappresenta un crescente senso in Giappone, che il paese può trovare la sua strada e fare ciò che è giusto. La storia non deve necessariamente ripetersi e il Giappone non deve vivere con le soluzioni imposte, come avvenne immediatamente dopo la Seconda Guerra Mondiale. Il Giappone può trovare la pace, a modo suo.

Le Forze di Autodifesa del Giappone vengono messe in mostra durante il film. I comandanti militari giocano un ruolo chiave, così come i membri eletti del governo. In un certo senso, la storia rappresenta il desiderio di un governo più funzionale. Recentemente, il Giappone ha avuto una storia di primi ministri che si dimettono e anche i leader forti come Shinzo Abe hanno avuto mandati interrotti. La memoria di un primo ministro come Abe è ancora controversa in Giappone, dato che la sua leadership è stata importante, ma per alcuni “troppo” influente. Shinzo Abe è stato ucciso durante un comizio politico l’8 luglio 2022, ed è ancora oggetto di discussione in Giappone.

Godzilla è l’Alter Ego del Giappone?

Nel recente film “Godzilla vs. Kong” e in altri film americani su Godzilla, vediamo il mostro trasformarsi in un paladino del bene. Nella versione del 2014, Godzilla è un cacciatore di mostri che minacciano l’umanità e alla fine si rivela essere il buono. Ma rispetto ai film giapponesi, Godzilla è sempre visto come un mostro e non come un alleato. Nel 1954, quando Godzilla fece il suo debutto sul grande schermo, il film mostrava una creatura che minacciava un’isola remota. La creatura emerge come un residuo post-bellico di qualcosa di orribile, frutto dei test nucleari e degli eventi bellici nella regione Indo-Pacifica: una prospettiva rovesciata in cui Godzilla non è assolutamente un amico del Giappone.

Godzilla: l'odissea cinematografica del Giappone 11

Un “alter ego” è una personalità alternativa, un cambiamento radicale rispetto al sé originale. A volte viene considerato come un gemello. A volte emerge quando meno ce lo aspettiamo. Si dice che Godzilla abbia le sue origini nei test nucleari. Il Godzilla del 1954 chiaramente deriva da un test di bomba all’idrogeno sottomarino. Gli scienziati nel film sono curiosi di capire come la creatura sia resistente alle radiazioni e se questo sia collegato alle sue origini misteriose. I sospetti del Giappone sui test nucleari sono evidenti nel modo in cui il film gioca sulla connessione tra i test nucleari e l’origine del mostro.

Confrontando il Godzilla giapponese con quello americano del 1997, notiamo, dunque, differenze significative. È strano che Godzilla arrivi a New York, dato che si trova dalla parte opposta dell’Oceano Pacifico, dove si suppone siano avvenuti i test nucleari. Una cattiva geografia/scrittura da parte degli sceneggiatori americani, potremmo dire. Inoltre, nel Godzilla del 1997, il mostro sembra cercare un luogo dove partorire. Il Godzilla giapponese, al contrario, attacca il Giappone per ragioni meno evidenti. La mostruosa creatura è, appunto, pura mostruosità: non cerca una casa o un luogo dove partorire in “Shin Godzilla” e “Godzilla Minus One“. È arrabbiato e questo è tutto ciò che sappiamo.

Le origini di Godzilla dopo la Seconda Guerra Mondiale e il suo rapporto con la violenza e la distruzione incarnano ciò che era il Giappone durante la guerra. Un mostro. Un mostro che non vuole cedere. Un mostro che distruggerà tutto ciò che trova sul suo cammino. È difficile avere questa immagine in mente ora, dato che il Giappone è un paese molto diverso rispetto a quando invase i suoi vicini e bombardò Pearl Harbor. Gli americani vedono Godzilla come un alleato del loro ego e assumono che il potere della creatura comporti caratteristiche che lo rendono un “mostro morale“.

Ma per il Giappone, con la sua storia complessa, un mostro come Godzilla rappresenta un avversario, un alter ego che deve essere combattuto e distrutto. Nei recenti film giapponesi, non si trasforma mai in un personaggio positivo.

Il Giappone ha imparato qualcosa dal suo passato e, per questo, Godzilla sarà sempre un nemico.

SCOPRI CHI HA SCRITTO QUESTO ARTICOLO!

Godzilla: l'odissea cinematografica del Giappone 12

Iniziò tutto all'età di tre anni, quando per la prima volta trovai il coraggio di premere il pulsante di accensione di quella "catapecchia" che, un tempo, era il "non plus ultra" della tecnologia. Era il mio tutto: la mia attrezzatura nell'esplorazione di antiche tombe dimenticate nei panni di un'atletica archeologa, la mia auto tra le strade di San Francisco e Miami nei panni di un ex pilota di auto da corsa diventato poliziotto, fino ad essere la mia cara Normandy a spasso tra le stelle della Via Lattea. Questi viaggi, che non dimenticherò mai, mi hanno reso, grazie ai loro valori e messaggi intrinseci, la persona passionale, curiosa e caparbia che sono oggi. La scrittura è il mio unico strumento per trasmettere i principi positivi che questo percorso infinito mi ha lasciato, e questo "Spazio" è l'Infinito che mi permette di condividerli. Ti andrebbe di proseguire questo cammino insieme? E ricorda: "la meta è partire" (Giuseppe Ungaretti).

Seguici su tutti i nostri social!
Advertisement
Commenta
Sottoscrivimi agli aggiornamenti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Advertisement

FACEBOOK

TWITCH

Popolari