fbpx
Social

Cinema&Tv

Loki, la recensione del quarto episodio

Pubblicato

il

Loki, la recensione del quarto episodio 1

Loki (Episodio 4)

8.5

Scrittura

9.0/10

Regia

9.0/10

Comparto tecnico

8.0/10

Direzione artistica

8.0/10

Pros

  • Succedono un sacco di cose
  • Colpi di scena a ripetizione

Cons

  • C'eravamo dimenticati delle scene post-crediti...

Quanti Loki ci vogliono per incasinare la Sacra Linea Temporale durante un’apocalisse? Apparentemente due.

Il quarto episodio di Loki è tutto il contrario del terzo. Se quello della settimana scorsa era un filler questo è un tassello fondamentale, un Evento Nexus che manda la trama avanti veloce giocandosi anche un paio di colpi di scena spiazzanti. Anche quando si va in costruzione dei personaggi mostrandone il background in realtà tutto si collega al presente, a quella Sacra Linea Temporale che i due Loki stanno mettendo in crisi ad ogni costo.

 

Spoiler Alert: nell’articolo si fanno accenni più o meno chiari a cosa è successo durante l’episodio. Se volete evitare di incappare in qualche anticipazione (o siete spoiler fobici), tornate dopo aver visto la puntata.

 

Il Deus Ex Machina è… l’Amore?

La settimana scorsa ci si chiedeva come Loki e Sylvie sarebbero scappati da un Lamentis sull’orlo dell’apocalisse.

TimePad rotto, nessun indizio per la TVA su dove cercarli (o quando cercarli), nessuna possibilità di generare anomalie. La controindicazione di nascondersi in un’apocalisse è questa, qualunque cosa tu possa fare non genera timeline alternative perché tanto non ci saranno sopravvissuti. Tutto tranne innamorarsi, almeno. Che tra Loki e Sylvie stesse nascendo qualcosa era già chiaro dal precedente episodio, e d’altronde chi meglio di un Dio dell’Inganno per far cadere nell’inganno più antico del mondo il Dio dell’Inganno? Solo che l’unione di due Varianti dello stesso essere, a quanto pare, è un Evento Nexus così forte da corrompere anche un’apocalisse.

PUBBLICITÀ

Loki episode 4 review: "A chef's kiss of a cliffhanger" | GamesRadar+

Rimane il dubbio di come sia possibile che con un’unica linea temporale a disposizione possano esistere due versioni di sesso diverso della stessa persona. Perché Sylvie era così fin da bambina, non sembra essere un travestimento ma proprio la sua vera forma. Forse la TVA mente. Non solo sul fatto che ha generato i suoi dipendenti, che in realtà come sappiamo dalla scorsa puntata sono Varianti a cui è stata cancellata la memoria, ma anche sull’esistenza di un’unica Sacra Linea Temporale. Una bugia così grossa da convincere non una, ma due Varianti di Loki, che sia la verità. Un capolavoro degno di un Dio. O di un Diavolo.

loki la recensione del quarto episodio

Chi diavolo c’è dietro?

La trama va così avanti veloce che l’interrogativo passa da “saranno abbastanza puntate?” a “ma adesso come li riempiono due episodi?” nel giro di 40 minuti. Dalla quasi certezza che sia finita al trovarsi davanti ai Custodi del Tempo, il tutto senza sembrare frettoloso. Il tempo è relativo, soprattutto quando puoi viaggiarci attraverso, ma dal punto di vista di uno spettatore esterno passa solo poco più di mezz’ora.

PUBBLICITÀ

Loki' Episode 4: Mobius and Ravonna Make Shocking Choices - Variety

Eppure è credibile, non mancano pezzi e anzi, se ci si ferma (se si è costretti a fermarcisi perché devi scrivere una recensione di questo quarto episodio di Loki) in realtà gli eventi grossi della puntata sono due. Tre, dai, per chi resta collegato fino a dopo i titoli di coda come non siamo più abituati a fare in sala. È un episodio in cui, pur succedendo poco e succedendo velocemente, quel poco sposta molto in avanti l’Orizzonte degli Eventi della serie e non arriva di fretta, anzi. Sylvie alla fine resta davanti ai Custodi e ne scopre il segreto, scoprendo che c’è ancora tanto altro dietro. Che la TVA sia un inganno lo avevamo già capito, ma fino a che punto queste bugie sono radicate nell’Universo Cinematografico Marvel?

Loki, la recensione del quarto episodio 8

Il fato di Loki sembra più drastico. Sicuramente è più misterioso. La scena post-crediti apre a delle prospettive davvero interessanti, ribadendo che la chiave di questa Fase 4 è il concetto di multiverso. Forse addirittura aprendo a quella che sarà la serie estiva di Disney+, What If. Ed è lecito a questo punto interrogarsi anche su C20 e su Mobius, sul loro passato e sul loro futuro. Perché forse la fascinazione per le moto d’acqua di Mobius è legata a chi era prima, e capire che fine ha fatto dopo – cosa che probabilmente succederà mercoledì prossimo – darebbe risposte anche per quanto riguarda Loki. Quel che è certo è che saranno (e sono stati) giorni di teorie e speculazioni. Di analisi al microscopio dell’episodio e della scena post-crediti alla ricerca di dettagli, indizi, easter egg e di un po’ di sano complottismo. Perché dopo una puntata come la quarta di Loki è davvero impossibile non sentire l’hype per le prossime due, specie se poi c’azzecchi e puoi sparare un “io lo avevo detto da antologia.

PUBBLICITÀ

Affermazione che, se per sbaglio viene fuori che la Sacra Linea Tempoale è “Sacra” in virtù del fatto che è quella dove Thanos ha perso, potete aspettarvi su queste pagine tra qualche giorno.

HAI GIÀ FINITO DI GUARDARE TUTTI GLI EPISODI DELLA SERIE? SU GAMEROMANCER.COM TROVI LA SPIEGAZIONE DEL FINALE DELLA SERIE, OVVIAMENTE CON SPOILER!

SCOPRI CHI HA SCRITTO QUESTO ARTICOLO!

Laureato con disonore in Informatica, tra una cosa e l'altra ha a che fare con la tecnologia praticamente da quando ne ha memoria. Creative Director di I Love Videogames, Boss Finale su Gameromancer e in generale losco figuro.

PUBBLICITÀ
Seguici su tutti i nostri social!
Advertisement
Commenta
Sottoscrivimi agli aggiornamenti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Advertisement

Facebook

TWITCH

Popolari

0
Facci sapere la tua con un commento!x