Social

Recensioni

Rick e Morty 4×05, la recensione

Pubblicato

il

Rick e Morty 4x05, la recensione 1

Rick e Morty 4x05

8

Comparto Tecnico

7.5/10

Cast

8.0/10

Scrittura

8.5/10

Regia

8.0/10

Direzione Artistica

8.0/10

Pros

  • Una delle trame più coinvolgenti
  • Registicamente ottimo
  • Comicità intelligente

Cons

  • Ridondanza dei temi

Dopo una prima, brillante metà di stagione, è proprio con l’episodio di questa settimana, intitolato “Rattlestar Ricklatica”, che arriviamo alla conclusione delle vicende di Rick e Morty o, almeno, alla conclusione per quanto riguarda le puntate previste per il 2019.

Dopo un’attesa così lunga (quasi due anni) per la quarta stagione, l’interruzione dopo soli cinque episodi non può far altro che rattristare gli animi dei fan ma, come al solito, Rick e Morty sceglie la qualità a discapito della quantità e questo finale ne è l’ennesima prova.

I franchise e fenomeni popolari che la serie decide di andare ad imitare e deridere si trattano, stavolta, di “Battlestar Galactica” e, in parte, anche di “Terminator”, andando a tirare in ballo l’ormai banale idea del viaggio nel tempo, facendolo però con grande consapevolezza di sé e tramite una brillante esagerazione degli eventi. Ed è proprio così che Rick e Morty riesce ad ironizzare e parodiare su di un genere ma anche ad offrirci, allo stesso tempo, un racconto originale e coinvolgente che risulta, alla fine, tutto fuorché banale.

Justin Roiland e Dan Harmon, i due creatori, hanno già affermato in passato di non apprezzare il viaggio nel tempo come uno strumento narrativo e, per tale motivo, questo episodio funziona alla perfezione come una de-costruzione comica del genere. Sappiamo tutti che il viaggio temporale tende a risultare intrinsecamente confusionario ed illogico e “Rattlestar Ricklatica” riesce a sfruttare al massimo tale idea puntando all’essere il più assurdo e ridicolo possibile.

Rick e Morty 4x05, la recensione 8

ADV

“Stay in the fucking car!”

Sono due gli intrecci narrativi che vanno a caratterizzare quest’episodio di Rick e Morty.

Il primo, quello principale, ruota attorno alla battaglia del duo protagonista contro una razza di serpenti alieni provenienti da un altro pianeta ed intenzionati a conquistare la Terra, tutto a causa di una stupida decisione presa da Morty; nel secondo, invece, troviamo di nuovo Jerry coinvolto in una delle sue solite disavventure che sembrano ricoprire, in questa stagione, un ruolo sempre più evidente.

Risultano sempre più palesi, nel corso della narrazione, le somiglianze tra Morty e suo padre, i quali cercano entrambi di prendere in mano la situazione e risolvere da sé i propri problemi ma che finiscono, inevitabilmente, a causare seri danni e, addirittura, la morte di altre persone o di altre specie.

Il disperato bisogno di questi due personaggi della propria indipendenza ed il forte desiderio di sradicare la parte più debole della loro personalità, che tanto viene soggiogata e sfruttata da Rick, li porterà ad ignorare le conseguenze delle loro decisioni e, da questa base, rimane ancora da scoprire se saranno davvero in grado di imparare e di incamminarsi, finalmente, lungo il giusto percorso di crescita, aprendo la strada al proprio arco narrativo.

ADV

Considerando il modo ridondante in cui ci viene ricordato e ribadito quale sia il desiderio ultimo di Jerry ed il modo in cui vengono mostrati e rimostrati i suoi vani tentativi per raggiungerlo, ci si può aspettare che, almeno per la fine di questa stagione, egli arriverà davvero ad un punto di svolta, possibilmente abbandonando parte di quella testardaggine che, come suggerisce questo episodio, è spesso causa scatenante dei suoi errori.

Rick e Morty 4x05, la recensione 9

Un umorismo studiato

Parte del successo di Rick e Morty risiede nella sua originale comicità e “Rattlestar Ricklatica” si dimostra, forse, come l’episodio più divertente di questa quarta stagione.

Troviamo tutti i giusti tipi di umorismo: da una parte abbiamo quello più tipico della serie che riesce a scioccarci ed a coglierci impreparati, dall’altra abbiamo quello più studiato e sottile che va a poggiarsi sulla trama stessa e sulle situazione proposte (come l’idea di far parlare tra loro i serpenti, nella loro lingua sussurrata, senza però offrire alcun tipo di sottotitolo esplicativo, cosa che spezza in modo esilarante il ritmo della narrazione).

ADV

Anche la story-line di Jerry fornisce una buona parte del divertimento, riuscendo a bilanciare sia il suo essere goffo ed inetto ma anche la sua forza di volontà nell’ottenere la vittoria, condendo il tutto con l’ilarità generata dal conflitto tra l’uomo e Rick, tra la sua testardaggine e la sua paura di affrontare la vita. Tutto questo devolve nelle classiche situazioni comiche e pericolose in cui spesso si ritrova Jerry che ci spingono, però, a fare comunque il tifo per lui.

Interessante è anche notare come, in realtà, le due trame sopra discusse vanno ad intrecciarsi tra di loro, sovrapponendosi nelle tematiche ma anche nei contenuti (non è un caso che l’immagine di Jerry che fluttua in aria sia così simile a quella del serpente nello spazio ad inizio episodio).

Rick e Morty 4x05, la recensione 10

Il nichilismo della serie

Gli animatori e scrittori di questa puntata di Rick e Morty devono essere davvero ammirati per l’eccelso lavoro svolto in merito. Non solo per l‘uso perfetto e brillante del concetto del viaggio temporale, ma anche per la gestione delle numerose e confusionarie sequenze d’azione, senza contare inoltre le audaci scelte comiche che sono state prese (le quali vengono portate all’estremo ed enfatizzate così tanto da rischiare di risultare ripetitive ma che, invece, funzionano esattamente come dovrebbero).

ADV

Degno di nota è anche lo studio che è stato fatto dietro la creazione del mondo (narrativo) dei serpenti alieni, il quale presenta numerosi parallelismi con la civilizzazione umana, a partire da figure ed eventi storici ed arrivando anche a metodi di istruzione ed istituzioni politiche, e che rende la trama quasi “credibile” ed estremamente più coinvolgente.

Nel mezzo dell’umorismo serpentesco, risorge quella cupa corrente di pensiero nichilista che viene antropomorfizzata attraverso il personaggio di Rick. La questione principale dell’episodio sembra essere, infatti, quella che ci fa chiedere: cosa succede quando qualcuno tenta di interferire nel corso naturale dell’evoluzione e della civilizzazione?

E la deprimente risposta che ci viene data è che l’unica conseguenza possibile è quella della distruzione della stessa specie. Potremmo dire che, alla fine, questo episodio sia in realtà un commento della nostra società, costantemente in evoluzione anche contro le leggi della natura stessa, una società in cui l’uomo accecato da ambizione (o da, come nel caso di Morty, delle nobili intenzioni) agisce al di fuori della sua portata.

Ma non è questa la sede adatta per discorsi filosofici di tale tipo (ne credo sia questo il vero significato della puntata), quindi mi limiterò a dire che si tratta sicuramente di uno degli episodi più cupi e indirettamente profondi della serie.

Rick e Morty 4x05, la recensione 11

Conclusioni

Nonostante la delusione dovuta ad un’altra prematura pausa della serie, possiamo dire con certezza che Rick e Morty sia riuscita a chiudere nel miglior modo questo 2019.

“Rattlestar Ricklactica” si presenta come un’intelligente parodia che abbraccia completamente la sua stessa follia ed assurdità, plasmando delle immagini e situazioni divertenti e coinvolgenti, racchiudendo dentro la propria narrazione una reiterazione del concetto base che ha dato vita alla serie: l’esposizione, ovvero, della natura fredda e nichilistica del nostro universo e dei suoi abitanti.

La puntata ha ricevuto un riscontro enormemente positivo da parte dei fan e sta già diventato una delle preferite del pubblico. Con la sua “serpeggiante” trama ed una serie di momenti più che iconici (che siamo sicuri ispireranno una serie di meme) l’episodio è una conclusione più che soddisfacente e che, soprattutto, lascia alte le aspettative per ciò che avverrà in futuro (di cui i due creatori hanno rivelato qualcosa in quest’intervista).

SCOPRI CHI HA SCRITTO QUESTO ARTICOLO!

Salve a tutti! Io sono Sara e le mie più grandi passioni, che mi accompagnano da sempre, sono quelle per il cinema, i videogiochi e le serie TV. Adoro scrivere e cerco di cogliere ogni occasione per dialogare e confrontarmi con gli altri riguardo tutto ciò che questo fantastico mondo nerd può offrire e spero di poterlo fare al meglio anche con voi!

Seguici su tutti i nostri social!
Advertisement
Commenta
Sottoscrivimi agli aggiornamenti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Popolari