Recensioni

Wytches Vol. 1 – Le streghe di Scott Snyder

Wytches

8

SCENEGGIATURA

8.0/10

DISEGNI

8.0/10

CURA EDITORIALE

8.0/10

Pros

  • Snyder e Jock nel loro habitat naturale: l'horror
  • Una nuova visione del concetto di "strega"
  • Drammi personali ben costruiti
  • Una critica spietata alla razza umana
  • La giusta dose d'azione

Cons

  • Ne vorrete ancora, ma non ci sono altri numeri
  • A volte la colorazione molto particolare soffoca un po' troppo il tratto di Jock

Wytches, serie horror Image Comics scritta da Scott Snyder e disegnata da Jock, non è un fumetto sulle streghe canonico.

Nel corso della lettura, ci si renderà subito conto di non trovarsi di fronte all’ennesima battaglia tra l’umanità e una razza abietta e perversa (le streghe) bensì a ciò che ognuno di noi sarebbe disposto a fare per soddisfare i propri desideri più reconditi.

I mostri di Scott Snyder e Jock non sono esseri attivi, non sono loro che vanno di casa in casa a rapire indiscriminatamente vittime sacrificali.

Il vero motivo della loro esistenza consiste nell’offrire una facile e allettante via di fuga in cambio di un prezzo terribile.

Rielaborando in questo modo la figura della strega, Snyder è riuscito ad offrire un’interessante variazione su un tema ormai codificato.

Le prime due pagine altro non sono che una dichiarazione d’intenti, dove vediamo una definizione da dizionario della strega cancellata da alcuni scarabocchi. Le wytches di Snyder sono creature primordiali e sotterranee, sporche e ributtanti ai limiti del perverso, proprio come le ambizioni di chi ne richiede i servigi.

Sono strumenti attraverso cui l’autore mette a nudo quelle che sono paure concrete con cui ognuno di noi potrebbe dover fare i conti, prima o poi.

C’è chi sacrifica amici e parenti alle streghe per guarire dal cancro, o anche solo per ottenere l’immortalità, o ancora per ricominciare tutto daccapo a causa degli errori commessi in passato.

Ancor prima di questo, Wytches è la storia di una famiglia. Di un padre che non ha saputo comunicare con la figlia, scaricando su di lei le sue apprensioni per poi vivere nel rimorso di aver solo peggiorato la situazione.

Articoli che potrebbero interessarti

Ma alla fine, proprio lui che ci appariva pavido e senza speranze, dimostra di aver imparato dai propri errori non sottomettendosi alle proprie mancanze, diventando così l’eroe e il padre che avrebbe sempre voluto essere; un invito di Snyder a non perdere la nostra umanità per risolvere i nostri problemi senza sforzo.

Wytches è anche un fumetto di formazione, con una protagonista introversa e vessata da un trauma terribile che, attraverso l’amore e il coraggio del padre, trova la forza di crescere e affrontare la vita a muso duro, lasciando in questo modo uno spiraglio aperto per storie successive, pur preservando il valore autoconclusivo del volume.

Jock dimostra ancora una volta totale sintonia con lo scrittore e le sue suggestioni al limite del bodyhorror. Il disegnatore, grazie al suo tratto nervoso e spigoloso, riesce a pervertire le anatomie delle creature e degli esseri umani ghermiti o spaventati, così da imprimere un’espressività ai personaggi difficilmente eguagliabile per efficacia ed emozioni trasmesse.

Le numerose scene inquietanti e creativamente disturbanti gli permettono di esprimere al meglio le sue abilità (come già fece in Batman: Lo specchio nero, del quale realizzai una video-recensione) e di rendere giustizia al terrore atavico e interiore sottinteso dai testi, grazie anche alla colorazione patinata di Matt Hollingsworth, capace di creare ulteriore estraniamento nel lettore con il suo utilizzo spasmodico di texture acide.

Il volume italiano edito da RW Lion – raccogliente i primi sei (e per ora unici) numeri della serie targata Image Comics – è un gioiellino di fumetto, specialmente per chi ama le streghe e vorrebbe vederle calate in un contesto inedito e originale.

Gli amanti dello splatter avranno la loro dose di gore realizzato magnificamente, mentre i più cerebrali godranno di struggenti caratterizzazioni psicologiche e critiche sociali.

Si attende quindi con ansia l’uscita del secondo volume della serie, sperando che regali altrettante emozioni e renda giustizia al primo, terrificante arco narrativo. O magari no.

Potete acquistare Wytches a prezzo scontato cliccando qui.

Seguici su tutti i nostri social!
CondividI
Vittorio Pezzella

Cercò per lungo tempo il proprio linguaggio ideale, trovandolo infine nei libri e nei fumetti. Cominciò quindi a leggerli e studiarli avidamente, per poi parlarne sul web. Nonostante tutto, è ancora molto legato agli amici "Cinema" e "Serie TV", che continua a vedere sporadicamente.

Pubblicato da
Vittorio Pezzella
  • Articoli recenti

    The Legend of Heroes: Trails through Daybreak, la recensione: la rivoluzione a Calvard

    Dopo aver chiuso un cerchio con il maestoso Trails into Reverie, Nis e Falcom ci…

    % giorni fa

    Nevermore, uno sguardo gotico sul conformismo sociale

    "Nevermore", "mai più": è questa l'unica frase ripetuta da un corvo che si manifesta in…

    % giorni fa

    Zenless Zone Zero, prime impressioni: tutto lo stile di New Eridu

    L'hype attorno a Zenless Zone Zero Hoyoverse sta diventando un nome sempre più ingombrante nel…

    % giorni fa

    Elden Ring Shadow of the Erdtree, la recensione: cosa si cela all’ombra dell’Albero Madre?

    Sono praticamente passati 15 anni da quando From Software creò il genere dei soulslike con…

    % giorni fa

    Guida alle Anime Figure: cosa sono e dove comprare?

    Anime Figure: cosa sono e dove comprare? Il mondo degli anime e quello del collezionismo…

    % giorni fa

    Godzilla: l’odissea cinematografica del Giappone

    Attenzione! L'articolo presenta SPOILER inerenti alle opere che si vogliono approfondire. Godzilla è tornato sotto…

    % giorni fa