Cinema&Tv

Don’t hug me I’m scared, la sua storia

 Don’t hug me I’m scared è una webserie realizzata da Becky Sloan e da Joseph Pelling, il primo episodio della webserie è stata caricata su youtube il 29 luglio del 2011 sul canale chiamato “Don’t Hug Me .I’m Scared

La serie è incentrata su tre personaggi, Yellow Guy, Red Guy, e Duck Guy che in ogni episodio incontrano degli oggetti dalle sembianze antropomorfe che cantano canzoni con tematiche che si affrontano tutti i giorni, potrebbe sembrare una serie innocente, ma in ogni episodio c’è un massiccio uso di elementi gore.

Al momento ci sono sei episodi, ed ognuno parla di tematiche diverse e a tratti innocenti ma dopo un minuto o due ci si accorge che c’è qualcosa che non va, prendiamo come esempio il primo episodio: Creatività, questo episodio è incentrato sulla cucina e su un taccuino, esso infatti comincia a cantare una canzone sulla creatività per i tre protagonisti mentre gli fa svolgere attività per bambini, ad un tratto però il taccuino inizia a rimproverare i protagonisti e questo causa un “eccesso di creatività” che porta i protagonisti a fare cose come per esempio scrivere la parola “morte” oppure tagliare una torta piena di interiora, l’episodio si conclude con il taccuino che propone di non essere più creativi. Questo è solo un episodio di “Don’t hug me I’m scared“, a voi la visione degli altri

Articoli che potrebbero interessarti

Passando ai personaggi abbiamo tre protagonisti, uno giallo(Yellow guy), uno rosso(Red guy) e uno verde con l’aspetto di una papera(Duck guy), dopodichè vengono tutti gli altri oggetti animati antropomorfi.

 

Per quanto invece riguarda la critica come ci si aspettava ha suscitato tanto scalpore, così tanto che sono nate le teorie più contorte intorno alle quali si è creata una vera e propria folla di persone che sono con e contro le varie teorie.

Quindi se vi ho suscitato una certa curiosità verso questa webserie macabra miraccomando andate a guardarvela e buon halloween da Spacenerd

Seguici su tutti i nostri social!
CondividI
Andrei Deacu

Gioca al pc e ad altre console da cinque anni, dall'inizio delle medie ha iniziato ad appassionarsi a youtube ed alla scrittura. Ama serie tv e gli anime, un suo sogno è visitare il Giappone e andarci a vivere.

Pubblicato da
Andrei Deacu
  • Articoli recenti

    Shin Megami Tensei, top 5 giochi da scoprire dopo Vengeance

    Introduzione a Shin Megami Tensei Nel ricchissimo panorama dei giochi di ruolo giapponesi, ce ne…

    % giorni fa

    Destiny 2, Stagione dei Desideri: fare un patto col destino!

    Ricordo come fosse ieri quando, nel 2020, pubblicai proprio qui, sulle pagine di Spacenerd, il…

    % giorni fa

    Furiosa: A Mad Max Saga, la recensione: Epica postapocalittica

    Furiosa: A Mad Max Saga, primo spinoff della serie di George MIller, racconta l'epopea del…

    % giorni fa

    Flintlock: The Siege of Dawn, l’anteprima

    Dark Souls ha definito e creato un sottogenere apprezzato e amato. Il punto che ci…

    % giorni fa

    Squisito!, la recensione: i sapori di un’Italia fantasy raccontati da Gianmarco Bonelli

    Non serve essere un avido lettore di Jundo: se avete aperto l'app e sfogliato fra…

    % giorni fa

    Love and Curse vol. 2, la recensione: il mappō di Aiko

    Questo mese è uscito il secondo volume di Love and Curse, una serie semi-autobiografica da…

    % giorni fa