Fumetti

Vertical: 5 webcomic da leggere a novembre 2023

Benvenuti al sesto appuntamento di Vertical, la rubrica mensile di SpaceNerd che vi consiglia webcomic sempre nuovi – dalla commedia all’horror, dal fantasy allo sci-fi.

I webcomic come mezzo di svago

Se vi state affacciando per la prima volta al mondo dei webcomic, o se semplicemente cercate qualcosa di nuovo da leggere, allora questa rubrica saprà darvi spunti interessanti per il vostro tempo libero.

Le opere che compariranno in questo episodio di Vertical sono tutte disponibili gratuitamente su Webtoon e tutte in lingua inglese, salvo eventuali eccezioni.

L’ordine di disposizione dei webcomic che seguono è del tutto casuale e non mira ad alcun tipo di classificazione.

ADV

1) Forever After

Questo mese si parte con una commedia romantica che racconta le fiabe più celebri nel modo più controverso: Forever After.

Scritto e illustrato dalle americane Hannah Patten e Violet Matter, questo primo webcomic cominciava il suo viaggio nel maggio di due anni fa.

Ad oggi, con un totale di 110 episodi e ben tre stagioni complete, l’opera è in stand-by e conta oltre 22 milioni di letture.

La serie segue disavventure di Robin, una ragazza quasi diciottenne che sin da piccola sogna di essere una principessa. Vivere come nelle favole è per lei un’ossessione, ma quando colui che lei credeva essere il suo principe azzurro la scarica crudelmente per la sua puerilità, Robin esprime il desiderio di poter vivere davvero all’interno di una fiaba.

ADV

Ella va a dormire e, una volta sveglia, si ritrova per magia in un mondo fatato, pieno di gnomi e folletti, mentre ad accoglierla vi è un mesto gruppo di anziani fusi in un solo corpo, le tre Moire, che le annunciano l’avverarsi del suo desiderio, ma non nella maniera in cui si aspettava. Ora Robin è intrappolata in una dimensione fantastica nella quale le fiabe prendono vita, e sarà lei a dover prendere il ruolo del principe azzurro.

L’unico modo per Robin di tornare nel mondo reale è entrare nelle fiabe e ricostruirle fedelmente, nel bene e nel male. Durante la sua impresa incontrerà Tank, un essere fatato con un misterioso passato alle spalle, che la assisterà nella costante lotta contro la strega cattiva, sempre pronta ad interferire con il tanto agognato “felici e contenti”.

Forever After ha un trailer ufficiale, lo trovate qui.

È bene non farsi ingannare dall’aspettativa banale che può dare Forever After.

ADV

Cinica, dissacrante ed egocentrica, Robin è il principe azzurro che nessuno mai si aspetterebbe, una vera antieroina. Le sue trovate per affrontare le più disparate sfide sono esilaranti, mentre il suo rapporto con Tank è un amore-odio costante che oscilla tra sarcasmo e complicità.

Tuttavia, nel mondo reale Robin vive un’esistenza precaria, costretta ad abitare in una casa fatiscente senza i soldi per fare nulla che non sia essenziale. Questo contesto intende raccontare – non senza un pizzico di tragicomicità – una morale più profonda, secondo cui è giusto desiderare la bella vita ma non si può ottenerlo senza il giusto impegno e i sacrifici necessari.

Le illustrazioni in questo webcomic mostrano a volte modeste sbavature, ma nel complesso sono certamente apprezzabili. In particolare Robin, grazie al suo design basilare, è una protagonista in cui è facile immedesimarsi e ciò contribuisce ad un’ottima fluidità nella lettura.

2) Tata the Cat

Continuiamo con una toccante storia di amicizia e amore nel mondo animale, con l’adorabile Tata the Cat.

ADV

Questo webcomic, scritto e illustrato da Suwan e Subin Kim, ha raggiunto recentemente il pubblico internazionale l’agosto scorso.

La serie conta attualmente 19 episodi, è in corso di pubblicazione e sta guadagnando un notevole successo con oltre 1 milione di letture.

La storia parla di Suyeon, una ragazza di campagna di ritorno dalla città che vuole trascorrere con l’amata nonna le vacanze estive. Non sembrano esserci novità nel villaggio di Gorong, ad eccezione di un enorme fiore dai petali rosa che da qualche tempo è germogliato nella casa della nonna, fra le fronde di un albero che di fiori non ne aveva mai fatti.

Finalmente, il giorno seguente all’arrivo di Suyeon, il fiore sboccia e i lunghi petali magici svelano racchiuso al loro interno un grosso gatto dal pelo rosso. L’inspiegabile evento lascia sbalordite le due, e la nonna è pronta a scommettere che il felino sia proprio Tata, il gatto di famiglia tristemente scomparso anni addietro, tornato miracolosamente alla vita.

Un’insolita ed emozionante avventura attende ora Suyeon che, con la rinascita di Tata, raduna tutta quanta la famiglia – i cui rapporti si erano sciolti con la morte del primo proprietario di Tata, Seonghyeon – per celebrare il miracolo e cercare di capirne la misteriosa natura, ma soprattutto se si tratti o meno di un tenero messaggio dall’aldilà.

La qualità più di spicco di questo webcomic è senza dubbio l’irresistibile contagiosità dell’amore e della positività che pervade il contesto familiare. I rapporti genitore-figlio e nonno-nipote sono infatti incredibilmente spontanei e limpidi, e trascinano il lettore stesso nel dolce focolare, di grande centralità per la trama.

Il vero fulcro della storia è però Tata, che riesce sia a deliziare la famiglia con la tenerezza tipica dei felini, sia a renderla inquieta di fronte ai mille interrogativi sul perché sia rinato, e se ciò sia in qualche modo legato a Seonghyeon. Per non parlare del simbiotico rapporto con il fiore da cui è sbocciato, senza il quale Tata diventa improvvisamente ostile.

Per quanto riguarda la tecnica, il disegno si distingue per la morbidezza del tratto, che riesce indubbiamente a trasmettere il calore e le emozioni che questo webcomic sa regalare. Ogni singola apparizione di Tata scalda il cuore e fa desiderare che tutti possano avere al proprio fianco un gatto così speciale.

3) Straylight Tiger

A seguire, un promettente science fantasy carico di azione e suspense, intitolato Straylight Tiger.

L’opera nasceva per la prima volta, scritta e illustrata da flying-frappe, nel 2020 come Canvas, per poi passare alla serializzazione Original nel gennaio del 2022.

Con un totale di 5 milioni di letture, questo webcomic è attualmente in pausa e conta una prima stagione completa da 60 episodi.

Articoli che potrebbero interessarti

La trama si svolge in un mondo in cui un singolare evento astronomico ha esposto gli esseri umani a diverse mutazioni, dividendoli in tre razze in costante lotta fra loro: gli Shifter, capaci di mutare forma in quella di un animale; gli Enduring, che possono manipolare gli elementi naturali e sono fisicamente immortali; e infine i Mortali, coloro che non hanno subìto mutazioni. Dopo anni di guerre, i tre gruppi sono giunti a un patto di pace per evitare reciproci genocidi.

La protagonista della storia è Angeline Varonis, ragazza allegra e tenace che dalla giurisdizione Mortale si trasferisce a Crytopia, città che ospita tutte quante le razze, per intraprendere gli studi universitari. Ella è convinta di vivere un sogno finché una notte non viene sequestrata dai Golden Dragon, fautori della guerra, che uccidono i Mortali in nome del loro dio.

Ma Angeline, che a causa del rapimento non può prendere le sue medicine, abbandona la forma Mortale e si tramuta improvvisamente in una tigre, rara e potente forma animale, e con un aiuto esterno riesce a sventare il sacrificio di sangue. La sovrapposizione genetica è tuttavia irreversibile e il giorno seguente, insieme ad un folto gruppo di suoi compagni d’università, Angeline verrà chiamata ad entrare in una task force che mira a sradicare i Golden Dragon una volta per tutte.

Al contrario della succitata Robin, Angeline incarna in tutto e per tutto il ruolo dell’eroina, coraggiosa e dall’animo nobile. Il tragico e al contempo interessante background della Varonis mette in luce le ragioni per cui combatte, facendo simpatizzare il lettore per lei e nel frattempo ricevere una bella scarica di girl power.

Ai personaggi fa da sfondo un elaborato worldbuilding, pezzo forte di ogni opera di questo genere. Il contesto delle fazioni e della guerra fra razze è quel che rende il webcomic tanto avvincente. Anche se, c’è da dire, la componente action rende l’andamento della storia abbastanza prevedibile, con risvegli di abilità e deus ex machina piazzati ad hoc.

Ciò non toglie tuttavia che combattimenti e scene d’azione siano semplicemente sensazionali. Le illustrazioni che li impreziosiscono – con influenze sia occidentali che orientali – si rivelano in ogni momento meravigliose e scrupolosamente dettagliate, tanto che il lettore potrebbe soffermarsi anche diversi minuti prima di riuscire a snocciolarne ogni sfumatura.

4) Everywhere & Nowhere

Passiamo adesso ad un curioso slice of life di genere storico che ci racconta l’antichità in simpatiche vignette: Everywhere & Nowhere.

Questo titolo, illustrato da PeaCH e scritto da Merryweather – autore del già citato Clinic of Horrors -, nasceva anch’esso come Canvas per poi ottenere il patronato di Webtoon nell’aprile del 2019.

Con un totale di 235 episodi totali e tre stagioni complete, anche questo webcomic è in pausa e conta l’eccezionale vetta di oltre 100 milioni di letture.

La storia parla di William Rosencrantz e Anne Guildenstern, due giovani aristocratici del Regno di Danimarca del 1455. I due si innamorano, ma dieci anni dopo il loro incontro, durante una traversata verso l’Inghilterra, entrambi perdono la vita in un arrembaggio alla loro nave. Inspiegabilmente, si risvegliano poco dopo, inconsapevoli di aver viaggiato nel tempo fino agli anni 2000.

Disorientati, vagano per le strade di una metropoli finché non compiono accidentalmente un altro salto temporale, fino all’antico Egitto. La coppia comincia a studiare i meccanismi di questo misterioso potere e, divenuti persino immortali, visitano diverse epoche storiche per circa cento anni. Scelgono infine di stabilirsi nel 2019, dove iniziano a frequentare la prestigiosa Crownright Academy.

Le cose prendono una brutta piega quando William e Anne incontrano i loro stessi di centomila anni nel futuro. Essi si presentano malvagi e perversi, preannunciando ciò che li aspetta nel cammino dell’immortalità, e avanzano presagi funesti. Adesso, la loro missione è evitare a tutti i costi una tale trasformazione, ma soprattutto capire perché non possano viaggiare più avanti del Natale del 2050, giorno della fine del mondo.

Everywhere & Nowhere ha un trailer ufficiale, lo trovate qui.

Contrariamente ad altri slice of life già apparsi in questa rubrica, Everywhere & Nowhere ha una trama ben specifica. Gli episodi di natura autoconclusiva sono poco presenti e la storia è pensata per svilupparsi lungo un discreto numero di pagine.

Considerato una delle opere più di successo di Merryweather, questo webcomic trova il suo punto cardine nella divertente esposizione di eventi storici, fattore che si sposa egregiamente con la tipica narrazione della commedia slice of life. Le ricostruzioni storiche non sono sempre accuratissime, ma è bello vedere come contengano piccole curiosità che il lettore potrebbe non conoscere inizialmente.

Le illustrazioni hanno uno stile gradevole, ma i character design alquanto classici. I cliché da manga giapponese, presenti in gran numero nei lavori di Merryweather, rendono la lettura leggera e spiritosa ma al contempo anche un tantino scontata.

5) Bastard

In conclusione, una storia di assoggettazione e crudi assassinii: un thriller intitolato Bastard.

Quest’ultimo titolo è una serie daily pass, scritta da Carnby Kim – autore di Sweet Home e del già citato Shotgun Boy – e illustrata da Youngchan Hwang.

Raggiunto il pubblico internazionale nel giugno del 2015, dopo due anni e 94 episodi totali la serie si è conclusa, contando ad oggi quasi 150 milioni di letture.

La storia ruota attorno alla vita di Jin Seon, liceale taciturno che deve fare i conti con varie disabilità, causate da un incidente di cui non ha memoria. Vive in un lussuoso appartamento con suo padre, Dongsoo, un grande imprenditore che si prende cura di lui da solo, sostenendo i suoi studi e le sue cure mediche.

Dietro questa facciata di agiatezza, tuttavia, si nasconde un orribile segreto: Dongsoo è infatti uno spietato serial killer ossessionato dalla morte della moglie, che adesca e assassina qualunque donna abbia una minima somiglianza con lei. E Jin, suo malgrado, è costretto a fargli da complice.

Egli obbedisce al padre, temendo che possa togliere la vita anche a lui, finché un giorno egli non si interessa ad una sua compagna di scuola, Kyun Yoon, che poco prima aveva salvato Jin da un arresto cardiaco. Per il sentimento nato fra i due, ora Jin farà di tutto per impedire che suo padre possa reclamare un’altra vita, anche a costo di affrontarlo apertamente.

Bastard ha un trailer ufficiale, lo trovate qui.

Gli eventi narrati in Bastard sono terrificanti soprattutto per la loro verosimiglianza: non è impossibile che un tale scenario, dove un padre soggioga il figlio e lo costringe a commettere un omicidio, possa realmente verificarsi. E anzi, nulla toglie che possa già essere accaduto.

Jin e suo padre – il bastardo, appunto -, si rivelano attori eccezionali nel dissimulare una famiglia normale. Ma il ragazzo, per nulla orgoglioso di quello che è diventato, non può non tradire apatia: ad esempio, Jin non ha minimamente paura dei bulli che infestano la sua scuola perché, come dice lui, in casa sua “vive con il diavolo”.

Al contrario di Shotgun Boy, Bastard sembra non avere collegamenti ufficiali con Sweet Home, l’opera più centrale dell’universo letterario di Carnby Kim. Per quanto riguarda il disegno, le vignette ristrette su sfondo nero e la bassa saturazione dei colori contribuiscono ad un’atmosfera ansiogena, e ci danno un’idea della macabra visione della realtà che Jin ha acquisito nel corso della sua vita.

Conclusione

Qualcuno dei webcomic di questo mese ha attirato la vostra attenzione? Se non fosse così, ricordate che Vertical torna ogni mese con nuovi consigli di lettura.

Seguici su tutti i nostri social!
CondividI
Mega

Ho 21 anni, sono nato in Lombardia e cresciuto in Campania. Leggo molto, parlo poco e spesso penso troppo, ma in compenso ho una grande passione per la scrittura che mi aiuta a comunicare ciò che con le parole non dico. Provo forti emozioni con anime e videogiochi da quando ne ho memoria, ma è stato nell'adolescenza che questi miei piccoli hobby sono divampati, risultando, ad oggi, parte integrante della mia vita.

  • Articoli recenti

    Love and Curse vol. 1, la recensione: un sutra di vendetta

    Love and Curse è una serie semi-autobiografica in tre volumi della mangaka Fumiko Fumi, portata…

    % giorni fa

    Past Lives, la recensione: amore tra tempo, spazio e contraddizioni

    Era impossibile che il mio personale approccio a Past Lives potesse avvenire in maniera convenzionale.…

    % giorni fa

    Helldivers 2, la recensione: PER LA DEMOCRAZIA!

    Mi sono arruolato tra le fila dell'organizzazione militare a difesa della Super Terra un po'…

    % giorni fa

    Persona 3: Reload, la recensione: il nuovo volto della S.E.E.S

    La rinascita di Persona 3 Persona 3 è un titolo molto caro ad Atlus, perché…

    % giorni fa

    Colorless vol. 1, la recensione: un mondo senza colori

    Qualche mese fa, come redazione di SpaceNerd, abbiamo avuto il piacere di intervistare il fondatore…

    % giorni fa

    Suicide Squad: Kill the Justice League, la recensione: chi sono i veri criminali?

    Era il lontano 2009 quando una giovane Rocksteady pubblicò quello che è ancora ad oggi…

    % giorni fa