Anime

Sword Art Online Progressive: Scherzo of a Deep Night, recensione: come vorremmo SAO

Sword Art Online Progressive: Scherzo of a Deep Night

7.3

SCRITTURA

6.0/10

REGIA

7.0/10

COMPARTO TECNICO

8.5/10

DIREZIONE ARTISTICA

8.0/10

CAST

7.0/10

Pros

  • Pacing giusto per godersi Aincrad
  • Ci catapulta nelle dinamice del death game
  • Comparto tecnico da SAO

Cons

  • Accade poco o nulla a livello di trama
  • Serviva più azione

Il 31 ottobre al Lucca Comics and Games abbiamo avuto il piacere di vedere in anteprima il nuovo film della serie Sword Art Online Progressive: Scherzo of a Deep Night.

Grazie a Dynit infatti il film è stato proiettato in super anteprima alla fiera toscana, la prima al di fuori del Giappone. Non potevamo quindi mancare all’appuntamento con il secondo episodio della serie Progressive, che reinterpreta la storia di Aincrad dal punto di vista di Asuna.

Il primo film ci aveva già mostrato un diverso cambio di attitudine rispetto all’anime che quest’anno compie dieci anni e ci auspicavamo di vedere confermate le nostre aspettative anche in questo secondo capitolo. Andiamo quindi a scoprire insieme le nostre impressioni su Scherzo of a Deep Night, nuovo film di uno degli universi narrativi più chiacchierati dell’animazione nipponica.

Intrighi a Capodanno

Asuna, Kirito e l’avanguardia hanno appena superato il boss del quarto piano quando iniziano le prime frizioni fra le due gilde che guidano la scalata. I nostri protagonisti sanno bene che litigare non serve a sconfiggere il death game nel quale sono rimasti intrappolati e quindi decidono di cercare una soluzione, insieme alla informatrice più brava di Aincrad, Argo.

Prima della festa di capodanno Asuna e Kirito scoprono che qualche infiltrato vuole far saltare i festeggiamenti tra le due fazioni, incitandone una ad affrontare il boss del piano da sola per accaparrarsi un prezioso drop.

Nelle loro ricerche verranno fuori alcune informazioni cruciali per scongiurare uno scontro tra le due gilde che potrebbe compromettere la salita verso l’ultimo piano del castello volante. Toccherà ancora alla nostra coppia di spadaccini cercare di porre rimedio alle situazioni nel classico stile di Sword Art Online, aiutati anche da una vecchia conoscenza del primo film.

Un Pacing completamente diverso

L’avevamo notato anche nel primo capitolo ma Sword Art Online Progressive: Scherzo of a Deep Night conferma il cambio di rotta che è stato voluto impartire alla serie con il progetto Progressive. Una critica che è stata sempre mossa verso l’anime SAO è quella di aver velocizzato eccessivamente la parte dedicata ad Aincrad, snaturando un’idea inizialmente abbastanza promettente.

In Sword Art Online Progressive invece, oltre a vedere Asuna come protagonista, il racconto assume una velocità completamente differente. Nel film infatti non passano più di 4 giorni, dandoci così la possibilità di vivere pienamente Aincrad, valorizzare maggiormente i personaggi secondari ed esaltare la componente Isekai/RPG.

Aincrad è senza dubbio l’ambientazione più interessante del mondo Sword Art Online. Progressive riesce così a ridare vigore alla parte migliore del franchise, cercando di darci un nuovo punto di vista e a riparare ad alcuni scivoloni della serie principale.

Articoli che potrebbero interessarti

Una delle cose che già dal primo capitolo erano state maggiormente apprezzate è stato il cambio di protagonista. Non me ne voglia Kirito, ma Asuna nei panni dell’eroina di Progressive ci è piaciuta molto più di lui, a volte quasi perfetto nel ruolo di spalla. Ha ancora dei momenti un po’ troppo da “principessa che deve essere salvata” ma per il resto è ampiamente promossa.

Infine gli altri personaggi non sfigurano affatto, proprio grazie alla calma con cui vengono affrontate le questioni. Le gilde hanno delle dinamiche molto interessanti, i comprimari prendono sempre più lo spazio che meritano e la coppia di protagonisti lascia posto anche a figure come Mito che contribuiscono al cambio di mentalità che abbiamo apprezzato già dal primo capitolo.

Il solito Comparto Tecnico

Quando parliamo di SAO dal punto di vista tecnico non ci sono troppe discussioni, i prodotti della saga sono sempre ottimi. A-1 Pictures difficilmente sbaglia, soprattutto in un franchise di successo come Sword Art Online. Le animazioni sono ottime e i fight estremamente elettrizzanti tanto che ne avremmo voluti vedere di più nel film.

Solita nota di merito all’ennesima colonna sonora per la serie, scritta da Yuki Kajiura che immagino si stia divertendo tantissimo a reinterpretare i suoi pezzi scritti per SAO. Percussioni elettroniche e strumenti a corda si uniscono alle solite arie in kajiuro per creare quell’atmosfera fantastica che ci fa innamorare sempre della musica della compositrice.

Anche questa anteprima al Lucca Comics and Games 2022 era in lingua originale, per il doppiaggio italiano quindi attenderemo l’uscita nelle sale il 14 novembre. Il team giapponese invece conta gli storici doppiatori della serie, un cast di assoluto livello guidato dalla straordinaria Haruka Tomatsu affiancata dal solito Yoshitsugu Matsuoka.

Come vorremmo Sword Art Online

Sword Art Online Progressive: Scherzo of a Deep Night è un film dove sostanzialmente accade poco a livello di trama e va ad aggiungere lore alla scalata di Aincrad. Questo se da una parte diventa un malus per quanto riguarda la sostanza del film è anche un sintomo di un cambiamento nell’approccio alla serie che abbiamo apprezzato molto.

Il bello dell’idea iniziale di SAO era vivere nel mondo del videogioco e assaporare la vita all’interno dei piani di Aincrad, qualcosa che abbiamo visto solo di sfuggita all’inizio dell’anime ma che aveva stregato migliaia di fan. Progressive sembra voler farci rivivere questa sensazione nei panni di Asuna, riscrivendo parti della storia per dare più spazio al mondo creato da Akihiko Kayaba.

Al termine del film ci è rimasto un po’ di amaro in bocca perché forse avremmo voluto un po’ più di azione ma quello che abbiamo visto in questo secondo capitolo ormai ci conferma che il progetto Progressive ha tutte le carte in regola per diventare una delle migliori storie del franchise.

Scherzo of Deep Night vi aspetta quindi in sala il 14, 15 e 16 novembre, un appuntamento assolutamente imperdibile per tutti i fan della serie.

Seguici su tutti i nostri social!
CondividI
Matteo Tellurio

Nascere in un paesino umbro ti porta ad avere tanti hobby. Cresciuto tra console e computer, è da sempre amante di cinema, serie TV e musica, nella quale si diletta in maniera molto amatoriale. Anime e manga invece sono il pane quotidiano ma anche lo sport lo appassiona. Crede di aver visto ogni singola disciplina inserita dal CIO alle Olimpiadi.

Vedi commenti

  • Articoli recenti

    Destiny 2 La Forma Ultima, la recensione: Guardiani, uniti

    Come disse il vecchio saggio, ogni viaggio prima o poi giunge al termine: con l'uscita…

    % giorni fa

    Edens Zero, la recensione: quando il fantasy incontra la fantascienza

    Edens Zero è un manga shonen di Hiro Mashima pubblicato in Giappone da Kōdansha a…

    % giorni fa

    Orfeo e gli altri: Intervista a Luca Tarenzi

    In onore dell'uscita del suo ultimo libro edito dalla Giunti, SpaceNerd intervista Luca Tarenzi, uno…

    % giorni fa

    The Rogue Prince of Persia, recensione dell’Early Access: tantissimo potenziale

    In attesa del remake di Prince of Persia: Le Sabbie del Tempo, annunciato nel 2020…

    % giorni fa

    Shin Megami Tensei, top 5 giochi da scoprire dopo Vengeance

    Introduzione a Shin Megami Tensei Nel ricchissimo panorama dei giochi di ruolo giapponesi, ce ne…

    % giorni fa

    Destiny 2, Stagione dei Desideri: fare un patto col destino!

    Ricordo come fosse ieri quando, nel 2020, pubblicai proprio qui, sulle pagine di Spacenerd, il…

    % giorni fa