Approfondimenti

Final Fantasy VII Remake: abbiamo provato la demo E3

Non ve lo nascondo: uno dei giochi che più desideravo di provare a questo Milan Games Week era proprio Final Fantasy VII Remake.

La fiera milanese ci ha permesso di giocare la demo estesa della boss-fight mostrata durante la conferenza Square Enix dell’E3 2019 (che potete trovare qui sotto, così da vedere coi vostri occhi di che parliamo) per ben 20 minuti, arrivando (quasi, purtroppo) alla fine della battaglia lì mostrata.

Cerchiamo di analizzare il contenuto oggettivo e tecnico della demo di Final Fantasy VII Remake, illustrando i punti su cui si è mostrato migliore e quelli su cui invece c’è ancora da lavorare in vista della non proprio vicinissima release del 3 marzo 2020 su PS4.

FINAL FANTASY NEL 2020

Come sarebbe stato Final Fantasy VII se ideato e concepito nel 2020?
Questa deve essere stata la domanda che si sono posti, quando hanno iniziato a lavorarci: il titolo, da quel poco che abbiamo provato, racchiude ed intreccia perfettamente tutti i vari stili di gioco che la serie ha avuto dal primo capitolo al quindicesimo. Insomma, Final Fantasy VII è stato completamente reinventato utilizzando tutta l’esperienza accumulata nello sviluppo della serie.

ADV

DAL 1997 AL 2020: 23 ANNI IN PIU’ E NON SENTIRLI

Parlando di ciò che questo Final Fantasy riprende fieramente dalla sua versione originale e migliora, la prima cosa che salta all’occhio sono sicuramente i personaggi.

I già conosciuti e famosi protagonisti di Final Fantasy VII tornano in una veste completamente rifatta da zero, con tanto di dettagli aggiuntivi e più marcati.

IL NUOVO COMBAT SYSTEM

Ecco la differenza più sostanziale del gioco, dalla sua versione originale: Final Fantasy VII Remake abbandona la struttura a turni classica della serie e del capitolo stesso, per una più mista ma allo stesso tempo tattica.

ADV

Sarà possibile attaccare in tempo reale usando quadrato, schivare con delle capriole/scatti con il tasto cerchio. Infine, con il tasto croce, sarà possibile “fermare il tempo” (NO, NIENTE JOJO REFERENCE, SO CHE CI STAI PENSANDO NDR.) per entrare in “Tactical Mode” e giocare come se fosse a “turni” per studiare bene la situazione e lanciare delle abilità usando la nostra barra ATB.
Con i grilletti, invece, potremo indicare ai nostri compagni chi colpire; mentre tenendo premuto L1 sarà possibile eseguire le abilità in tempo reale (in modo simile a come avviene su Kingdom Hearts).

Articoli che potrebbero interessarti

Come i più familiari alla saga potranno notare, abbiamo TUTTI gli elementi dei vari capitoli della saga amalgamati, a quanto pare dalla demo, alla perfezione.

DUBBI E PAURE

Insomma, questa demo di Final Fantasy VII Remake non fa altro che confermare le aspettative. Nonostante ciò, qualche dubbio/paura rimane.

ADV

Per esempio, parlando del lato tecnico, abbiamo notato, ricordando che lo abbiamo provato su PlayStation 4 Pro, delle sbavature su alcuni modelli e texture dello scenario (valvole che più che rotonde erano esagonali ed altre imperfezioni). Il colpo d’occhio rimane ovviamente notevole, ma ci auguriamo che questi difetti siano solo causa del fatto che è ancora “under construction”, per poi scomparire nella versione finale.

Parlando dei dubbi, invece, rimangono ovviamente tutti i discorsi riguardo la colonna sonora (che nonostante in questo primo approccio sia parsa lodevole, rimane un punto in sospeso), il bilanciamento ed alle attività secondarie/di contorno alla storyline principale, senza dimenticare anche i “discorsi accessori” su ripetitività, difficoltà e gestione del lato RPG, che però faremo a tempo debito.

IN CONCLUSIONE…

Abbiamo di fronte, potenzialmente, la versione definitiva che racchiude l’essenza del franchise di Final Fantasy, il titolo che può racchiudere i tempi di gloria, la crisi adolescenziale del dodicesimo, tredicesimo, quindicesimo e di Dissidia NT, per portarci al risultato di questo lungo cammino, in cui tutto si amalgama alla perfezione.

Riuscirà Square Enix nell’intento? Le premesse per farlo ci sono.

ADV

Nel mentre, sapevate che abbiamo provato anche Marvel’s Avengers sempre al Milan Games Week?

Seguici su tutti i nostri social!
CondividI
Cosimo "Kojimo" Riondino

Caporedattore e owner di SpaceNerd.it. Videogiocatore fin dai 5 anni, cresciuto con attorno Gameboy, Sega Master System e Playstation One. La sua saga preferita è quella di "Prince of Persia", ovviamente a partire dai giochi pre-Ubisoft, che lo ha legato in modo indissolubile dall'infanzia ad oggi al mondo videoludico. Altri suoi hobby ed interessi sono anime, la programmazione, musica e la tecnologia in generale.

  • Articoli recenti

    Com’è “invecchiata” la longevità nei videogames?

    Quante volte è capitato di sentire discussioni sulla longevità di un gioco, anche di giochi…

    % giorni fa

    Il Cacciatore di Idee, la recensione: l’avidità degli autori secondo Stefano Ficca e Valerio Cartuccia

    ❝Trattare con il subconscio degli autori è la parte del lavoro che odio❞ Questa è…

    % giorni fa

    Yu-Gi-Oh! Duel Links: Guida all’Evocazione Massima nei Rush Duel

    Introduzione Con il più recente aggiornamento di Yu-Gi-Oh! Duel Links, Konami ha deciso di rivoluzionare…

    % giorni fa

    Suxbad: la commedia millennial che tutti dovrebbero recuperare

    Gli anni 2000 sono stati un periodo abbastanza bizzarro per il genere cinematografico della commedia.…

    % giorni fa

    Solo Leveling Stagione 1, la recensione: un’inizio davvero agrodolce

    Ho iniziato a leggere Solo Leveling ormai tre anni fa, quando Star Comics annunciò di…

    % giorni fa

    Primavera 2024: 5 anime da non perdere

    Il freddo invernale sta lentamente per concludersi, come gli anime che sono andati in onda…

    % giorni fa