Social

Manga

Lucca Comics and Games 2022: Press Cafè con Atsushi Ohkubo, mangaka di Soul Eater e Fire Force

Pubblicato

il

Atsushi Ohkubo Lucca Comics and Games 2022

Durante questa fantastica edizione del Lucca Comics and Games, Planet Manga ci ha gentilmente invitato alla conferenza stampa del maestro Atsushi Ohkubo, uno degli ospiti più importanti della manifestazione di quest’anno.

Atsushi Ohkubo è il giovanissimo mangaka dietro a due opere di grande successo come Soul Eater e Fire Force, entrambe serie disponibili in Italia grazie a Planet. Nell’ora che il maestro Ohkubo ha dedicato alla stampa abbiamo avuto l’onore di poter chiedere qualche curiosità estremamente interessanti sulla sua carriera e sulle sue opere che oggi condividiamo con voi in questo articolo.

Ohkubo Lucca Comics 2022

“Perchè un manga sui pompieri?”

La prima domanda che viene rivolta al maestro Ohkubo riguarda la sua ultima opera Fire Force ed è spesso la prima che viene in mente leggendo il manga.

PUBBLICITÀ

Nel vasto mondo degli shonen moderni ci sono tanti eroi e per questo v0leva ricercare “qualcosa di nuovo” per la sua opera, degli “eroi vicini a noi“. Da qui nasce l’idea di utilizzare la figura del vigile del fuoco, delle persone eroiche ma allo stesso tempo reali nella nostra quotidianità che il sensei ci confessa ammirare molto.

“Che impatto ha avuto il tema dell’Ecologia nella creazione di Fire Force?”

Parlando di incendi e pompieri era inevitabile che un pensiero diretto ai problemi ambientali della nostra contemporaneità caratterizzasse la stesura di quest’opera. Il maestro Ohkubo infatti non nega che fenomeni come il riscaldamento climatico e gli incendi siano cose che spaventano, proprio come gli “incendiari” del suo manga.

Allo stesso tempo però ci tiene a sottolineare che anche le fiamme nella sua opera non siano solo un potere negativo.

“Riguardo a questo impatto positivo, è contento di vedere che la sua opera influenza i ragazzi che la leggono come l’episodio di qualche tempo fa dove un ragazzo giapponese ha sventato un incendio ispirato da Fire Force?”

Si, sono molto felice di questo“.

PUBBLICITÀ

Ohkubo

“Un’altra caratteristica peculiare di Fire Force è la presenza di un’organizzazione potente sotto forma di culto religioso, ha preso ispirazione dalla realtà per crearla?”

Riguardo il culto del Sacro Sol il sensei Ohkubo ci confessa aver preso ispirazione dalla mentalità e dalla cultura del suo paese.

In molti altri manga e in molte storie i “Kami” giocano un ruolo fondamentale e anche nella quotidianità del Giappone la spiritualità condiziona molte pratiche di vita. Per questo ha voluto inserire questo mezzo narrativo nonché attore centrale delle vicende in Fire Force, tenendoci a sottolineare che riguardo al culto del Sacro Sol “non c’è nessuna idea negativa“.

“Entrando invece più nello specifico dell’opera, come nasce un personaggio così particolare come Tamaki?”

Una domanda alla quale il sensei confessa di “non averci pensato molto“.

PUBBLICITÀ

Tamaki probabilmente per lui rappresenta “la persona comune” rispetto al resto del cast, un normale essere umano pronto a combattere per ciò in cui crede, estremamente facile da empatizzare.

“Fire Force è condizionato da Soul Eater?”

Assolutamente si“.

Scrivendo Soul Eater Ohkubo ci dice di aver scelto appositamente il tema dell’importanza della vita. Al contrario invece nella sua opera successiva questo punto di vista si capovolge, mettendo al centro della nazzarione il concetto della “morte“.

“Una curiosità su Soul Eater, come nasce Excalibur?

In Soul Eater le armi svolgono un ruolo centrale e non poteva mancare quindi l’arma più famosa del mondo. Molto curioso invece il momento in cui il sensei Ohkubo entra in contatto con questa spada leggendaria, che ci confessa lo appassiona dalla sua esperienza come videogiocatore di Dragon Quest.

PUBBLICITÀ

Soul eater Ohkubo

“Cosa ne pensa invece del lavoro del mangaka?”

Dal mio debutto non è cambiato molto: lavoro, torno a casa e dormo” ci racconta Ohkubo rimanendo nel pieno stereotipo che abbiamo noi del mangaka dedito alla sua opera. Per lui è ormai un lavoro “faticoso ma regolare” e si ritiene un tipo che non si lascia distruggere dal lavoro.

Questo viaggio in Italia però lo ha riposato molto.

“Quali sono stati i piaceri e le difficoltà di scrivere Soul Eater e Fire Force? I suoi personaggi preferiti invece?”

“Disegnare Black Star contro Mifune e Arthur contro Dragon” sono le due cose che il sensei ricorda con più piacere.

PUBBLICITÀ

Tra i suoi personaggi preferiti inserisce Benimaru, Arthur e Black Star dei quali apprezza il loro modo di fare “sempre diretto“.
Le cose difficili invece dice di averle completamente rimosse.

Arthur Fire Force

“Sia in Fire Force che in Soul Eater abbiamo un mix di atmosfere dark, ironia e scene ecchi, come nasce questo mix?”

Citando come punto di riferimento della sua carriera il maestro Toriyama, Ohkubo vuole sempre “divertire il pubblico“.

Per farlo ritiene che occorra creare un giusto mix di tutte queste componenti. Una storia dalle tinte dark ma che sappia anche avere un po’ di ironia e dei personaggi simpatici.

PUBBLICITÀ

“La follia invece sembra essere al centro di entrambe le opere, è affascinato da essa?”

In tutti c’è un po’ di follia, un istinto a fare male“.

Il sensei ci racconta che, rivolgendosi ad un pubblico adulto, temi come l’agitazione e l’insicurezza di essere sono alla base di molti personaggi delle sue opere. Anche la follia gioca un ruolo importantissimo. Un’emozione che spaventa ma che è anche imprescindibile per noi esseri umani, “senza follia ci bloccheremmo davanti a tutto“.

“Qualche anno fa aveva confessato che Fire Force sarebbe stata la sua ultima opera, è ancora così?”

Anche Soul Eater mi aveva fatto dire la stessa cosa” ci dice ridendo. In realtà Ohkubo è ancora indeciso sul da farsi e ci lascia con una battuta (o forse no) sul fatto che probabilmente riprenderà con l’arrivo di macchine automatiche in grado di disegnare.

Lucca Comics and Games 2022: Press Cafè con Atsushi Ohkubo, mangaka di Soul Eater e Fire Force 5

PUBBLICITÀ

La chiacchierata con il maestro Ohkubo è stata davvero piacevole. Nell’ora trascorsa con la stampa si è mostrato molto disponibile e interessato alle nostre curiosità ed ha apprezzato moltissimo l’accoglienza dell’Italia nei suoi confronti.

Ringraziamo ancora una volta Planet Manga e Lucca Comics per averci concesso l’onore di poter ascoltare le parole del sensei Ohkubo nella meravigliosa esperienza della fiera di Lucca e per averci dato la possibilità di riportare anche ai nostri lettori curiosità e aneddoti interessanti sul creatore di Soul Eater e Fire Force.

SCOPRI CHI HA SCRITTO QUESTO ARTICOLO!

Nascere in un paesino umbro ti porta ad avere tanti hobby.
Cresciuto tra console e computer, è da sempre amante di cinema, serie TV e musica, nella quale si diletta in maniera molto amatoriale. Anime e manga invece sono il pane quotidiano ma anche lo sport lo appassiona. Crede di aver visto ogni singola disciplina inserita dal CIO alle Olimpiadi.

Seguici su tutti i nostri social!
Advertisement
Commenta
Sottoscrivimi agli aggiornamenti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Advertisement

Facebook

TWITCH

Popolari

0
Facci sapere la tua con un commento!x