Fumetti

Speciale Vertical: 5 webcomic da leggere a Natale 2023

Benvenuti al settimo appuntamento di Vertical, la rubrica mensile di SpaceNerd che vi consiglia webcomic sempre nuovi – dalla commedia all’horror, dal fantasy allo sci-fi.

Regali sotto l’albero e un webcomic sullo schermo

Come avrete potuto immaginare, questo mese Vertical non poteva restare indifferente all’arrivo della festa più amata dell’anno, il tanto atteso Natale.

Sfogliando fra le opere di Webtoon, mi sono accorto – ed è un po’ un peccato – di non riuscire a trovare webcomic Original che parlassero solo ed esclusivamente del Natale. In compenso, diverse opere Canvas sono spuntate fuori al loro posto, e quelle che vi mostrerà l’episodio di oggi sono quelle in assoluto più degne di nota.

Di conseguenza, questo è uno speciale dedicato a tutti quegli autori Canvas che hanno saputo ideare un webcomic a tema natalizio, nel tentativo – più o meno riuscito – di renderlo fresco e innovativo.

ADV

1) Christmas Town

Si parte questo mese con un fantasy action che si svolge direttamente nel cuore del Polo Nord, intitolato Christmas Town.

Scritto e illustrato dal francese Popof-Graphics, questo webcomic nasceva proprio nel mese di dicembre del 2018.

Con le sue circa 6000 letture, l’opera è completa e conta 40 episodi totali.

Christmas Town prende luogo nell’omonima città, crocevia del Polo Nord dove ha sede il centro operativo di Babbo Natale. Il 25 dicembre è alle porte e il lavoro degli elfi va a gonfie vele, finché un giorno non sorgono problemi di comunicazione con le fabbriche di giocattoli.

ADV

Il caso viene affidato ad un’eccentrica aviatrice, Vania, e un’operatrice della torre radio, Sylvia. Le due si aspettano un semplice controllo di routine, sennonché Vania si imbatte in un folto gruppo di mostriciattoli, gli skullies, che a dispetto della sua esperienza riescono ad abbattere la sua slitta.

Persi i contatti con Vania – ora dispersa -, Sylvia lancia l’allarme ma i suoi superiori, non credendo alla sua versione, accusano Vania di diserzione e Sylvia viene imprigionata in quanto complice. Ma adesso un’orda di skullies si trova stazionata fuori le mura di una Christmas Town del tutto impreparata, guidati dal loro malefico signore e pronti a lanciare un devastante assedio.

Christmas Town è un webcomic per certi versi sorprendentemente crudo rispetto all’apparenza che dà nelle primissime pagine, con combattimenti sanguinosi e persino scene di nudo leggero – tratto spesso presente in altri lavori dell’autore. Vanta inoltre una trama abbastanza solida e un’andatura narrativa che rende la lettura accattivante.

Interessante poi la posizione di Babbo Natale, a cui l’unica cosa che importa è che nessuno raggiunga il suo palazzo, dove tiene celato qualcosa di vitale importanza. È pronto a sacrificare tutte le vite necessarie e dunque, la sola speranza degli elfi si tramuta improvvisamente nella loro condanna. Sulla sua figura pende inoltre un enorme plot twist.

ADV

Tuttavia, per quanto le vicende siano sufficientemente strutturate e consapevoli, disegno e lettering lasciano un po’ a desiderare. Se questi fattori dovessero migliorare sotto un patrocinio di Webtoon, entrare nel pantheon delle opere Original sarebbe un traguardo più che meritato per quest’opera.

2) Santa’s a Thief!

A seguire, una storia breve che ci ricorda che a Natale si è tutti più buoni, intitolata Santa’s a Thief!.

L’opera veniva pubblicata a dicembre del 2022 e si è conclusa esattamente dieci giorni dopo, con un totale di 6 episodi.

Scritto e illustrato da pineconelover12, questo webcomic ha avuto uno scarso successo, contando circa 1300 letture.

ADV

La storia segue le vicende di Nicolas Santiana, ladro professionista che approfitta delle feste natalizie per fare furti e rapine. Una sera, portato a termine un nuovo colpo, Nicolas si dà alla fuga, ma quando attraversa la strada si trova improvvisamente faccia a faccia con un’auto che lo investirà.

Prima che ciò accada, egli viene d’un tratto teletrasportato al Polo Nord ad opera di un piccolo elfo. Questi lo informa che, a causa delle sue malefatte, ora deve partecipare a un programma di riabilitazione, che consiste nello svolgere il ruolo di Babbo Natale e consegnare doni ai bambini la notte del 25 dicembre.

Non avendo altra scelta se non venir definitivamente investito, Nicolas accetta e insieme alla severa partner Kristina, anch’ella ladra in riabilitazione, monta in sella alla sua renna e decolla per portare a termine il suo primo Natale.

Santa’s a Thief! è un racconto simpatico che propone al lettore un protagonista in grado di evolvere, cambiando opinioni e ideali. Una storia scritta in maniera evidentemente spontanea, e per questo a suo modo gradevole.

Questo webcomic ricorda vagamente un A Christmas Carol in salsa otaku – tralasciando però la questione degli spiriti del Natale – in cui Nicolas un po’ come lo Scrooge intraprende un percorso di redenzione, non esattamente voluto ma decisamente benefico.

Purtroppo anche qua il difetto maggiore sono le illustrazioni, rimaste, si può dire, solamente degli schizzi frettolosi, talvolta poco chiari. C’è tuttavia un certo stile in essi, e se si vuole sorvolare su questo particolare, Santa’s a Thief! può rivelarsi una lettura piacevole.

3) A Weird-Ass Christmas Story!!

A seguire, un esilarante quanto assurdo webcomic che passa da uno scenario all’altro in un batter di ciglia: A Weird-Ass Christmas Story!!.

Quest’opera raggiungeva Webtoon, scritta e illustrata da PyrokidSosa, precisamente il 25 dicembre del 2020.

A Weird-Ass Christmas Story!! è un racconto one-shot che conta poco più di un centinaio di letture.

Articoli che potrebbero interessarti

La storia ha come protagonista Mari, una ragazza cinica che odia il Natale perché le ricorda che suo papà è morto. Il tutto prende da subito una piega paradossale quando, svegliata la notte di Natale da un gran fracasso, Mari si accorge che in casa sua si è intrufolato uno yeti.

Il mostro la rapisce ma subito arriva in suo soccorso un ragazzo che la strappa dalle sue grinfie: si tratta di Nico Claus, figlio di Santa Claus. Con lui viaggia sino al Polo Nord, dove scopre che suo padre non è morto, bensì tenuto prigioniero in una disputa fra Babbo Natale e il re degli yeti, che si contendono il predominio del Polo Nord.

Il conflitto sta per volgere a favore degli yeti, finché Nico non propone una lotta fra campioni che decreterà il vincitore una volta per tutte. Ha così inizio lo scontro finale fra l’ultimo guardiano del Polo Nord, Nico Claus, e l’arma segreta degli yeti, un pupazzo di neve dalla potenza ridicolmente smisurata.

Il modo in cui A Weird-Ass Christmas Story!! riesce a mettere insieme elementi così altisonanti è decisamente spassoso. Per questo motivo si rivela un webcomic al limite del demenziale e di conseguenza particolarmente comico.

Trama e personaggi non sono particolarmente articolati, ma è anche chiaro che la storia non era pensata per essere tale. Essa nasceva infatti come uno sfizio, un piccolo progetto natalizio balenato per diverso tempo nella mente di PyrokidSosa e finalmente realizzato.

Per quanto riguarda le illustrazioni, esse si dimostrano sorprendentemente dettagliate ad eccezione di qualche sproporzione qua e là. Se cercate una lettura leggera e spiritosa per questo Natale, la comicità A Weird-Ass Christmas Story!! non vi deluderà.

4) Santa’s First Christmas Eve

Passiamo adesso a un racconto breve che ci porta agli albori del mito: Santa’s First Christmas Eve.

Quest’opera, nata nel novembre dello scorso anno, è composta da 7 episodi brevi ed è completa.

Scritto e illustrato da James Law, in arte Lawdraw, questo webcomic ha riscontrato un ridotto successo e conta meno di 500 letture.

Questa è una semplice storia che parla di Babbo Natale prima che diventasse la leggenda che è oggi, quando era giovane, inesperto, e persino sbarbato.

Mosso da un innato senso di altruismo, Santa decide una notte di addentrarsi in un villaggio innevato che sorge su una collina, e di fare regali a un gruppo di bimbi che abita nella casa più in cima.

Tuttavia, essendo che nessuno ancora è abituato al suo arrivo, egli troverà diversi ostacoli che metteranno a rischio la sua missione. Ma nonostante ciò, la grande determinazione porterà il neonato Babbo Natale a dare tutto sé stesso per realizzare i desideri dei bambini.

Santa’s First Christmas Eve è un webcomic che dire corto sarebbe riduttivo: esso richiede infatti non più di un minuto per la lettura completa. Un’opera completamente priva di dialoghi, strutturata sul modello della striscia a fumetti.

Nulla di veramente eclatante dunque, se non per l’idea carina di illustrare una fantasiosa prima avventura di Babbo Natale, immaginando come poteva essere senza la comodità della slitta, degli elfi e tutto il resto.

Il disegno, d’altra parte, è relativamente buono considerando che si tratta di un Canvas quasi sconosciuto. Sfogliando fra le opere Canvas a tema Natale, questa è forse una di quelle che sanno distinguersi meglio.

5) Santa Jr.

Infine, concludiamo questo speciale con un’ultima storia breve, intitolata Santa Jr.

Questo webcomic, scritto e illustrato da Zenhiro, faceva la sua comparsa su Webtoon nel dicembre del 2019.

Data la sua natura one-shot, l’opera è contenuta in un solo episodio e conta poco più di 350 letture.

La storia si svolge in una realtà dove Santa Claus, troppo sfaticato quest’anno per lavorare, si trova in vacanza in Australia e ha lasciato l’incarico di consegnare i regali ai suoi tre figli, Merry, Lumi e Klau.

Tuttavia, le due sorelle si accusano a vicenda di non essere adatte al ruolo, e per questo chiedono entrambe a Klau di intervenire. Egli però non ha intenzione di accollarsi il lavoro e per il proprio quieto vivere se ne lava le mani.

Le cose cambiano quando un’amica di Merry viene presa in giro dai compagni di classe perché crede ancora in Babbo Natale. Ella, furiosa, prende le parti dell’amica e lancia la sfida che Santa Claus arriverà a mezzanotte del 25 dicembre, durante il loro pigiama party. A questo punto, Merry collaborerà determinata con Lumi per convincere Klau a fare finalmente la sua parte.

Zenhiro possiede una stile grafico notevole, come si vede nella sua altra opera one-shot Sword and Starlight, del quale in Santa Jr. propone tuttavia una versione meno accurata. Forse ciò è dovuto al fatto che Santa Jr., come molti webcomic di questo tipo, è probabilmente nato come challenge natalizia con poco tempo a disposizione.

Di ciò risente anche la trama, non molto elaborata e troppo frenetica perché il lettore possa affezionarsi ai personaggi. Essi seguono però schemi e personalità abbastanza classici, rendendo la lettura quantomeno naturale.

Come il webcomic precedente, anche quest’opera richiede pochissimo tempo per completarne la lettura. Se per quest’anno cercate una one-shot natalizia in stile orientale, Santa Jr. può essere una valida opzione.

Altri desideri possono ancora essere esauditi

Qualcuno dei webcomic di questo speciale ha attirato la vostra attenzione? Se non fosse così, ci sono ancora tante opere a tema Natale a cui vale la pena dare un’occhiata. E ricordate che, come sempre, Vertical torna ogni mese con nuovi consigli di lettura.

Seguici su tutti i nostri social!
CondividI
Mega

Ho 21 anni, sono nato in Lombardia e cresciuto in Campania. Leggo molto, parlo poco e spesso penso troppo, ma in compenso ho una grande passione per la scrittura che mi aiuta a comunicare ciò che con le parole non dico. Provo forti emozioni con anime e videogiochi da quando ne ho memoria, ma è stato nell'adolescenza che questi miei piccoli hobby sono divampati, risultando, ad oggi, parte integrante della mia vita.

Vedi commenti

  • Articoli recenti

    Indika, la recensione: nell’anima di una suora

    Ero rimasta abbastanza colpita dall'annuncio di Indika, ma allo stesso tempo dubbiosa sui suoi contenuti…

    % giorni fa

    Deadpool: Il buono, il brutto e il cattivo, la recensione: Ridi, Pagliaccio

    Deadpool parte alla ricerca delle sue origini assieme a Wolverine e Capitan America. In questa…

    % giorni fa

    Che cos’è il City Pop? Nascita e Rinascita di un genere musicale

    Se una macchina del tempo mi trasportasse nel Giappone di metà anni '80 non credo…

    % giorni fa

    Sand Land, la recensione: l’ultima opera di Akira Toriyama

    Ventiquattro anni dopo l'originale uscita nella rivista Weekly Shonen Jump di Shueisha, Sand Land ottiene…

    % giorni fa

    Shibatarian, la recensione: La discreta inquietudine di un’idea strampalata

    Shibatarian, manga shonen a tinte horror-sovrannaturali di Katsuya Iwamuro, pubblicato in Giappone da Shueisha, è…

    % giorni fa

    Civil War, la recensione: Dio (non) benedica l’America

    Ultimo lavoro di Alex Garland prima della sua pausa dal cinema, Civil War è stato…

    % giorni fa