fbpx
Social

Cinema&Tv

Il Legame: l’horror italiano con Scamarcio

Pubblicato

il

Il Legame: l'horror italiano con Scamarcio 1

Il Legame (Netflix, 2020)

8.6

COMPARTO TECNICO

8.9/10

CAST

9.0/10

SCRITTURA

7.9/10

REGIA

8.5/10

DIREZIONE ARTISTICA

8.5/10

Pros

  • Un ottimo cast
  • L'ambientazione
  • Una scelta audace

Cons

  • Qualche piccola banalità e forzatura

Una nuova era per l’horror made in Italy?

Il Legame è l’opera prima del regista Domenico de Feudis, con protagonisti l’attrice argentina Mia Maestro (vista ad esempio in pellicole come Frida e Twilight) il celebre attore italiano Riccardo Scamarcio (che figura anche tra i produttori del film) e la piccola ma molto talentuosa Giulia Patrignani (Il paradiso delle signore, Bella da morire)

Disponibile su Netflix dal 2 ottobre, il film si ispira al concetto di fascinazione (più semplicemente, malocchio) descritto nel saggio antropologico Sud e Magia” di Ernesto De Martino:

“La fascinazione è una condizione psichica di impedimento e di inibizione, e al tempo stesso un senso di dominazione, un essere agito da una forza  altrettanto potente quanto occulta, che lascia senza margine l’autonomia della persona, la sua capacità di decisione e di scelta”.

Ma perché questa condizione riuscirà ad entrare inevitabilmente nella vita dei protagonisti e a quali conseguenze porterà? C’è un fondo di verità nelle antiche credenze popolari? E’ tutto ciò che la pellicola vuole raccontarci.

Il legame famigliare (e non solo)

Francesco (Scamarcio) decide di portare per la prima volta la compagna Emma (Maestro) e la figlia di lei Sofia (Patrignani) a conoscere la propria famiglia d’origine, in particolare sua madre Teresa. 

il legame

Fin da subito le due si ritroveranno in un contesto assolutamente nuovo, visto che la donna anziana continua a vivere nella antica villa di famiglia, immersa nella campagna pugliese e circondata da ulivi millenari.

La signora Teresa inoltre appare una donna molto austera e rigida, dalla profonda fede religiosa e molto legata alle tradizioni. E’ proprio lei a mettere sotto torchio Emma, con domande e affermazioni spesso molto taglienti ed indelicate, ma che in un certo senso, non tradiscono il personaggio della tipica madre meridionale d’altri tempi. 

Seppur dopotutto i giorni in campagna sembrano scorrere apparentemente sereni, Sofia sarà morsa da una tarantola, e da allora, Teresa deciderà di prendersi cura della bambina con rimedi naturali e antichi.

L’importanza dell’ambientazione

Il Legame è stato sì prodotto da HT Film, Indigo Film e Lebowski, ma è stato realizzato grazie al contributo del Mibact e dell’Apulia Film Fund della Regione Puglia ed il sostegno di Apulia Film Commission.

Il film infatti ci mostrerà città pugliesi come Alberobello, Locorotondo, Fasano, Monopoli e Massafra, tutte caratterizzate da una profonda cultura contadina e rurale, terreno molto fertile (ndr, perdonate la battuta) per credenze e tradizioni popolari. 

il legame

Oltre infatti a permetterci di ammirare splendidi paesaggi, la pellicola vuole trasportare lo spettatore in ambienti dove il tempo sembra essersi fermato per sempre, e dove nulla sembra davvero come sembra: semplici allucinazioni o strane coincidenze?

Seppur non manchino piccoli dettagli tipici dell’horror per antonomasia, Il Legame cerca di mantenere comunque intatta l’ambientazione, ricamando sapientemente su particolari che non si allontanano eccessivamente dalla narrazione proposta, quasi al pari di un documentario.

Un horror sui generis?

Come detto pocanzi, Il Legame cerca di rinnovare il contesto orrorifico, trasponendolo nel nostro paese dove, di fatto, non vi sono ancora molte produzioni del genere (soprattutto se paragonate al numero di altre nazioni).

Avremo infatti tutti gli ingredienti utili in un horror, come:

  • il personaggio/investigatore razionale in cui lo spettatore si immedesimerà poiché ne condividerà gran parte di scelte e azioni (la madre Emma);
  • colui che sembra assuefatto dalle sue convinzioni (Francesco);
  • la vittima impotente su cui si basa snodo dell’intera vicenda (la piccola Sofia);
  • un nemico invisibile ed invincibile che agisce nell’ombra, lontano dalla umana comprensione.

Ne Il Legame ci sarà ovviamente una tensione costante e crescente, ma troveremo anche inquadrature gestite per insinuare ansia e disagio (e si ringraziano per questo la fotografia di Luca Santagostino ed il montaggio di Giancarlo Fontana) ed una musica assolutamente degna di una pellicola hollywoodiana (firmata da Massimiliano Mechelli).

L’interpretazione convincente dei vari personaggi poi contribuirà allo sviluppo della trama, in un prosieguo non così banale e scontato come potrebbe suggerire la prima metà del film. Proprio la parola del titolo, Il Legame, permetterà infatti la creazione e la scoperta di vari e differenti legami, non necessariamente di sangue.

il legame

Degno di nota (ndr, e si vede) è che la regia non è affatto stata gestita da un neofita, tutt’altro: de Feudis infatti è stato assistente alla regia nei film La grande bellezza e Loro 1 e Loro 2 di Paolo Sorrentino e nel 2017 si era già cimentato nella direzione del cortometraggio horror d’atmosfera L’ora del buio. 

In conclusione, Il Legame merita e cattura l’attenzione per la sua audacia e cura nei dettagli, pur peccando di qualche piccola banalità e colpi di scena poco chiari, entrambi dettati dal registro dell’orrore (specialmente nell’ultima parte) certo, ma strizzando così l’occhio a produzioni dal budget notevolmente più alto. Si prospetta quindi un’ottima speranza per il cinema horror italiano.

Seguici su tutti i nostri social!

Cosplayer per diletto, per lei Dante è sia il poeta stilnovista che il cacciatore di demoni per eccellenza. "I demoni non piangono mai" è vero, ma davanti al film, alla serie tv, al videogioco, al fumetto, o al libro giusto diventa una fontana, e prova anche a recensirli di tanto in tanto.

Advertisement
Commenta

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Facebook

TWITCH

Popolari