News

Godfall: nuovi dettagli sulla prima esclusiva next-gen

Dal PlayStation Official Magazine UK arrivano nuovissime informazioni su Godfall, la prima esclusiva next-gen annunciata

Nelle pagine dell’ultimo PlayStation Offical Magazine UK sono emerse nuove e interessanti informazioni su Godfall, videogioco d’azione annunciato lo scorso dicembre durante i The Game Awards.

Il titolo si presenterà tecnicamente sontuoso grazie al massiccio utilizzo della tecnologia grafica del ray-tracing, assieme anche al ricorso all’audio 3D che permetterà di riconoscere distintamente la provenienza dei suoni. Di conseguenza, il titolo non uscirà su PlayStation 4 ma sarà esclusiva della nuova console di casa Sony in arrivo a fine anno per poterne sfruttare le maggiori capacità computazionali nonché il performante SSD per ridurre i tempi di caricamento.
Specifichiamo che si tratterà di un’esclusiva console, in quanto come ampiamente già annunciato nei mesi precedenti, Godfall approderà anche su PC.

Per quanto concerne il gameplay, Godfall si afferma un mashup tra Dark Souls per il sistema di combattimento e Destiny per le meccaniche di looting ed equipaggiamento. A tal proposito, il titolo presenterà un sistema di classi in stile GDR d’azione, le quali varieranno a seconda delle armature indossate un po’ come per gli Strali visti in Anthem. A differenza degli sparatutto MMO di casa Bungie e Bioware, però, non è ancora chiaro che si tratti di un titolo fruibile solamente in formula online.

Articoli che potrebbero interessarti

Arrivano dettagli anche sull’IA dei boss, che terrà conto del numero di giocatori presenti in partita: i loro pattern di attacco e difesa, infatti, si adatteranno al numero di giocatori con cui li si affronteranno, rendendo la sfida più accattivante.

ADV

Non è ancora stata annunciata una data di uscita del titolo, ma stando a quanto annunciato durante i TGA 2019 dovrebbe essere la medesima dell’uscita di PlayStation 5, che ricordiamo essere fissata e ampiamente confermata per il periodo natalizio del 2020.

Seguici su tutti i nostri social!
CondividI
Alberto Mantione

Laureato in economia, grande cultore del mondo del marketing e ovviamente appassionato di videogiochi fin da tenere età, sono stato svezzato a 3 anni con i miei primissimi videogiochi, a 4 con nientemeno che Monkey Island giocato assieme a mio padre e a 5 ho portato a termine il mio primo videogioco in assoluto, Pandemonium, dando il via "ufficialmente" alla mia passione. Da allora posso vantarmi di aver concluso quasi tutti i più celebri titoli usciti possedendo pressoché tutte le console, dalla prima Playstation in avanti. Tolti i titoli sportivi, non c'è genere di gioco in cui non mi piaccia cimentarmi

Pubblicato da
Alberto Mantione
  • Articoli recenti

    Che cos’è il City Pop? Nascita e Rinascita di un genere musicale

    Se una macchina del tempo mi trasportasse nel Giappone di metà anni '80 non credo…

    % giorni fa

    Sand Land, la recensione: l’ultima opera di Akira Toriyama

    Ventiquattro anni dopo l'originale uscita nella rivista Weekly Shonen Jump di Shueisha, Sand Land ottiene…

    % giorni fa

    Shibatarian, la recensione: La discreta inquietudine di un’idea strampalata

    Shibatarian, manga shonen a tinte horror-sovrannaturali di Katsuya Iwamuro, pubblicato in Giappone da Shueisha, è…

    % giorni fa

    Civil War, la recensione: Dio (non) benedica l’America

    Ultimo lavoro di Alex Garland prima della sua pausa dal cinema, Civil War è stato…

    % giorni fa

    No Rest for the Wicked, l’anteprima: l’atteso ritorno di Moon Studios

    Ricordo ancora quella meraviglia di Ori and the Blind Forest, alle lacrime versate già nei…

    % giorni fa

    Rascal Does Not Dream of Bunny Girl Senpai, la recensione

    Dopo anni di attesa finalmente Rascal Does Not Dream è arrivato anche in Italia grazie…

    % giorni fa