News

Kojima afferma: “Sequel di Death Stranding? Necessario se verrà apprezzato dal pubblico”

“Sarà necessario un sequel, se le persone apprezzeranno Death Stranding”

L’instancabile game designer giapponese, padre di Metal Gear, torna subito a far parlare di sé a pochi giorni dall’uscita del suo nuovo titolo Death Stranding, gioco che ha catturato l’attenzione dei media e del pubblico ponendosi come inventore di un nuovo genere, che Kojima stesso ha definito “strand game“, con un affermazione che appare un fulmine a ciel sereno.

Durante la tappa francese del World Strand Tour, evento di lancio per Death Stranding, Kojima ha rilasciato un’intervista alla testata francese jeuxvideo, affermando, senza molti giri di parole, che un possibile seguito del titolo dipenderà dall’apprezzamento generale che il pubblico mostrerà per esso.

Articoli che potrebbero interessarti

“Non posso davvero parlarne… Ma voglio fare qualcosa di veramente grande, come ho fatto con Metal Gear. Quando ho fatto un sequel di Metal Gear, ho fatto alcune cose in un modo completamente diverso. Forse qualcun altro creerà giochi come questo (uno Strand Game) e ne farà un genere, ma penso di sì, se alle persone piacerà Death Stranding sarà necessario un sequel.”

Questa affermazione potrebbe apparire strana alle orecchie di alcuni fan, che, ricordandosi dei precedenti in Konami, dove Kojima fu costretto a lavorare esclusivamente su Metal Gear, senza poter mai esprimere a pieno il suo estro creativo, si potrebbero aspettare che il game designer, finalmente indipendente, voglia spaziare attraverso le ampie possibilità offerte dai vari generi videoludici.

Mentre aspettiamo che questi dubbi vengano fugati, continuate a seguirci per ulteriori aggiornamenti!

ADV
Seguici su tutti i nostri social!
CondividI
Daniele Tarantino

Nato praticamente con il pad in mano, ho iniziato a giocare sin dalla primissima età. Crescendo però è stata la Nintendo a dettare legge nella mia vita videoludica, per poi riavvicinarmi al multipiattaforma solamente con la PS4. Nonostante la propensione per il mondo del gaming, non disdegno altre forme di intrattenimento quali fumetti, cinema o serie TV.

Pubblicato da
Daniele Tarantino
  • Articoli recenti

    Indika, la recensione: nell’anima di una suora

    Ero rimasta abbastanza colpita dall'annuncio di Indika, ma allo stesso tempo dubbiosa sui suoi contenuti…

    % giorni fa

    Deadpool: Il buono, il brutto e il cattivo, la recensione: Ridi, Pagliaccio

    Deadpool parte alla ricerca delle sue origini assieme a Wolverine e Capitan America. In questa…

    % giorni fa

    Che cos’è il City Pop? Nascita e Rinascita di un genere musicale

    Se una macchina del tempo mi trasportasse nel Giappone di metà anni '80 non credo…

    % giorni fa

    Sand Land, la recensione: l’ultima opera di Akira Toriyama

    Ventiquattro anni dopo l'originale uscita nella rivista Weekly Shonen Jump di Shueisha, Sand Land ottiene…

    % giorni fa

    Shibatarian, la recensione: La discreta inquietudine di un’idea strampalata

    Shibatarian, manga shonen a tinte horror-sovrannaturali di Katsuya Iwamuro, pubblicato in Giappone da Shueisha, è…

    % giorni fa

    Civil War, la recensione: Dio (non) benedica l’America

    Ultimo lavoro di Alex Garland prima della sua pausa dal cinema, Civil War è stato…

    % giorni fa