The Witcher, tutte le info sulla serie in arrivo il 20 Dicembre

20 Dicembre, 2019. Fan di The Witcher, segnatevi questa data perché il vostro amato Geralt di Rivia sbarcherà su Netflix, questa volta con una serie tutta sua.

La prima stagione arriverà sulla piattaforma con un totale di otto episodi (almeno per ora) ed ad interpretare il famoso “witcher” sarà proprio Henry Cavill, il più recente Super-Man della DC. Alla base della narrazione, come per i videogiochi della CD Projekt Red, troveremo i romanzi polacchi scritti da Andrzej Sapkowski e la showrunner, Lauren Hissrich, ha confermato (in un’intervista per The Wrap) di voler adattare esclusivamente suddetti libri, almeno per ora.

“In breve, no. Non inizieremo ad adattare i videogiochi” Afferma la Hissrich (scrittrice anche di Daredevil e The Defenders). “Per ora posso solo concentrarmi sulla prima stagione e ne sono molto emozionata, come se la mia testa stesse per esplodere. Se qualcuno mi chiedesse cosa succederà in futuro non saprei cosa dire ma ho già delle idee in mente e, incrociando le dita, riuscirò a renderle realtà.”

Se vi sono dubbi sulla credibilità della serie, Sapkowski stesso è stato assunto come consulente creativo, in modo da poter dare indicazioni generali sulla direzione da prendere (così come era stato per George R.R. Martin nelle prime quattro stagioni del Trono).

“Sono entusiasta del fatto che Netflix stia adattando le mie storie rimanendo coerente con il materiale originale ed i temi che ho cercato di trasmettere per oltre trent’anni.” Dice Sapkowski in un comunicato stampa. “Sono felice di del team che è stato formato e di tutti gli sforzi che sto vedendo.” 

Inoltre, su Twitter, la Hissrich ha pazientemente risposto al commento di un utente andando a spiegare, dettagliatamente, la scelta di assumere un cast più variegato. Tra i vari motivi, oltre al bisogno di attrarre un pubblico globale e di indirizzare il problema del razzismo nei media, ha anche citato il desiderio di rimanere fedele allo spirito dei libri, dicendo: “The Witcher sa essere molto interessante per quanto riguarda la rappresentazione razziale perché non parla di colore della pelle ma di specie. Ciò che rende i personaggi differenti è la forma delle loro orecchie, la loro altezza, ecc. Nei libri, nessuno presta attenzione al colore della pelle e così sarà anche per la serie.”

Il teaser ed il primo trailer ufficiale

Il primo teaser-trailer è stato rilasciato da Netflix durante il Comic-Con di San Diego a luglio, completo di inquadrature drammatiche e dialoghi interessanti, insieme alla tag-line “I mostri peggiori sono quelli che creiamo noi stessi”.

Il primo, completo trailer ufficiale arriva invece più recentemente, il 31 Ottobre, mostrandoci interamente Geralt, Yennefer e Ciri (insieme all’apparizione della famosa scena di Geralt nella vasca da bagno). Guardando il trailer con attenzione, inoltre, è facile notare una serie di indizi e riferimenti ai romanzi.

Stills e foto promozionali

Numerose sono le prime foto distribuite da Netflix che mostrano il nostro Geralt, ovviamente, insieme a Ciri (Anya Cholatra) e Yennefer (Freya Allan). 

In questa foto proveniente da Redanian Intelligence è chiaramente visibile la nuova spada di Geralt, la quale appare più corta rispetto alla classica spada lunga dei libri e dei videogiochi, usata dal Witcher contro i mostri (naturalmente deboli al metallo).

A seguito, le prime stills di Ciri e Yennefer.

Articoli che potrebbero interessarti

Netflix ha anche deciso di mostrare quelli che sembrano essere degli ottimi effetti pratici (la serie, infatti, non sembra voler usare del CGI).

Cosa sappiamo della trama

Riguardo The Witcher, la sinossi di Netflix ci dice che: “Il witcher Geralt, un cacciatore di mostri geneticamente mutato, combatte per trovare il suo posto in un mondo dove le persone, spesso, sono più malvagie delle belve.”

Una descrizione che non rivela molto ma, a svelarci qualcosa in più, sono i produttori esecutivi, Sean Daniel e Jason Brown, aggiungendo che “la serie seguirà una famiglia poco convenzionale che si unirà alla ricerca della verità in un mondo pericoloso”.

Il cinematografo nominato al premio Oscar Tomek Baginski e Jarek Sawko, dallo studio per effetti visivi Platige Image, hanno inoltre affermato che: “All’interno dei libri di The Witcher si trova una profondità morale ed intellettuale che va oltre il genere. E’ una storia che riguarda l’oggi e le sfide dell’oggi, nascoste sotto una copertina fantasy. E’ una storia che parla di noi, del mostro e dell’eroe dentro ognuno dei nostri cuori”

Lauren Hissrich ha di recente rilasciato un’intervista con Entertainment Weekly , offrendo altri dettagli riguardo ciò che possiamo aspettarci da questa versione della storia di Geralt. Basandosi sulle sue parole, sembra che la relazione tra Geralt, Ciri e Yennefer sarà una delle trame principali delle serie.

“Togliendo tutti gli elementi fantasy, togliendo la magia e la violenza, The Witcher continua ad avere dei personaggi forti ed interessanti, appartenenti alla stessa, disfunzionale famiglia che hanno bisogno l’uno dell’altro, anche se nessuno di essi vuole ammetterlo”

Per quanto riguarda gli antagonisti, la Hissrich nega la presenza di unico grande nemico all’interno della serie. Essa si concentrerà maggiormente sulle sfumature morali presenti all’interno del mondo di Geralt. “I personaggi che amerai all’inizio potrebbero non essere gli stessi che amerai alla fine. E quelli che odierai e che sembreranno assolutamente cattivi si riveleranno motivati da sentimenti umani, sinceri e comprensibili”.

Cosa sappiamo dei personaggi

Ad accompagnare Geralt, oltre a Yennefer e Ciri, saranno inoltre Triss, Regis il vampiro, Emhyr Var Emreis e Rutilia (il famoso cavallo del Witcher). Ad apparire sarà anche Dandelion, nonostante il suo nome verrà cambiato in Jaskier, il nominativo originale nella serie di romanzi.

“I personaggi sono originali, divertenti e costantemente sorprendenti. Non vediamo l’ora di portarli in vita insieme a Netflix”, affermano i produttori Baginsky e Sawko.

La Hissrich si è anche preoccupata di descrivere ogni personaggio tramite una serie di tweet, fornendo una gran quantità di dettagli.

  • Geralt è descritto come stoico, circospetto, equilibrato, fiero e “tenero e delicato in un punto profondo del suo cuore che non rivelerà mai se non forse alla fine di tutto, in modo molto sottile e riservato.”
  • Yennefer, invece, è orgogliosa, accesa, scaltra, contraddittoria e, inoltre, “alla ricerca di qualcosa per riempire il vuoto dentro di lei, nonostante continui a negarlo e ad affermare di star bene da sola, dimostrandosi sia indipendente che vulnerabile.”
  • Ciri è descritta come resiliente, implacabile, sfacciata, in crescita ed “in procinto di cambiare il mondo, cosa che la spingerà ad essere diretta, ad imparare ed ad adattarsi, per arrivare a trovare una famiglia che possa camminare al suo fianco e che possa, forse, insegnarle il significato dell’amore.”
  • Rutilia è apparentemente “femminile, fedele, arguta ed affidabile”.
  • Jaskier è stravagante, volgare, esplicito ed “un personaggio che si nasconde dietro la maschera di un’idiota, quando invece è consapevole delle varie realtà e verità del mondo; un aspetto che lo rende molto più importante di quanto possa sembrare…”
  • Triss è idealista, insicura, combattuta, giovane ed innocente, priva della sicurezza delle incantatrici, cosa che la rende bersaglio di varie manipolazioni ma da cui “riuscirà a distaccarsi, diventando capace di apprezzarsi per quello che è”.
  • Cahir è “combattuto, carismatico, tormentato e puro d’animo”.

Questa lista non comprende tutto l’enorme cast ma descrizioni di altri personaggi (Regis, Vilgefortz, Ephyr, Milva, Leo Bonhart ed altri) possono essere trovate sempre nel Twitter della Hissrich, a partire da qui.

“Si tratta soltanto di un punto di inizio, principalmente perché sarebbe impossibile contenere un personaggio in così pochi caratteri.” Dice la donna dal suo account. “Inoltre, essi cambieranno e si svilupperanno enormemente con il proseguire della serie, tanto che un semplice riassunto non potrà mai bastare. Geralt comincerà da stoico, ma non finirà così.”

I progetti futuri per la serie

Per ora, sembra che la maggior parte delle riprese per la prima stagione di The Witcher sia conclusa. Secondo il blog Redanian Intelligente, il cast e la crew si sono goduti una festa di conclusione riprese verso la fine di Aprile e membri importanti dello staff sono stati visti presso il sito di produzione a Budapest.

Questo non conferma, però, che la serie sia già completa. Infatti, sempre secondo un report di Redanian Intelligence, la produzione sta lavorando al recasting per uno dei personaggi principali ed a vari “reshoot” di diverse scene. Una volta concluso ciò, la serie andrà direttamente in post-produzione, dove si spera venga completata entro la data di uscita.

La showrunner per The Witcher si dimostra ottimista verso il successo della serie ed afferma di avere già in programma altre sei stagioni, se tutto andrà secondo i piani. “Non abbiamo ancora scritto una seconda stagione ma, a partire da questa prima parte, speriamo di poter gettare le fondamenta a delle storie che cattureranno il pubblico per anni”. Condivide la Hissrich. “La cosa più avventata che potremmo fare ora sarebbe quella di consumare tutte le nostre energie nella prima stagione e di ritrovarci, in futuro, senza un piano per far evolvere questi personaggi.”

Altre curiosità e speculazioni

Henry Cavill sembra essere un grande fan di The Witcher. In un’intervista, la Hissrich ha ammesso che Cavill si è dimostrato interessato al ruolo ancor prima che iniziasse il processo di casting. “Henry è un appassionato del franchise. Ha letto tutti i libri e giocato tutti i giochi. L’ho incontrato per la prima volta all’inizio del progetto e mi ha subito detto di voler interpretare Geralt”

Le scenografie per le riprese vengono, per la maggior parte, dall’Europa dell’est, in particolare da Budapest.

Nonostante la serie segua più i romanzi che i videogiochi, sappiamo che il direttore cinematografico della CD Projekt Red, Thomas Baginsky (responsabile di tutte le intro della saga di giochi di The Witcher), è in collaborazione per dirigere almeno un episodio, quindi sarà interessante vedere come il suo stile influenzerà la narrazione.

Infine, una possibile serie animata potrebbe essere già in lavorazione. Sempre dalla fonte di  Redanian Intelligence, uno dei vari leak diffusi dimostra l’esistenza di questo progetto. “Era in corso un casting per una serie animata ambientata nel mondo di The Witcher, che includeva anche alcuni personaggi secondari. Il piano era quello di renderla disponibile su Netflix tra la prima e seconda stagione. Non sappiamo se sia ancora un progetto reale” Questo rivela il post in questione, pubblicato sul blog che, per primo, aveva svelato la presenza di Henry Cavill nella serie.

Seguici su tutti i nostri social!
CondividI
Sara Taffi

Salve a tutti! Io sono Sara e le mie più grandi passioni, che mi accompagnano da sempre, sono quelle per il cinema, i videogiochi e le serie TV. Adoro scrivere e cerco di cogliere ogni occasione per dialogare e confrontarmi con gli altri riguardo tutto ciò che questo fantastico mondo nerd può offrire e spero di poterlo fare al meglio anche con voi!

  • Articoli recenti

    Nevermore, uno sguardo gotico sul conformismo sociale

    "Nevermore", "mai più": è questa l'unica frase ripetuta da un corvo che si manifesta in…

    % giorni fa

    Zenless Zone Zero, prime impressioni: tutto lo stile di New Eridu

    L'hype attorno a Zenless Zone Zero Hoyoverse sta diventando un nome sempre più ingombrante nel…

    % giorni fa

    Elden Ring Shadow of the Erdtree, la recensione: cosa si cela all’ombra dell’Albero Madre?

    Sono praticamente passati 15 anni da quando From Software creò il genere dei soulslike con…

    % giorni fa

    Guida alle Anime Figure: cosa sono e dove comprare?

    Anime Figure: cosa sono e dove comprare? Il mondo degli anime e quello del collezionismo…

    % giorni fa

    Godzilla: l’odissea cinematografica del Giappone

    Attenzione! L'articolo presenta SPOILER inerenti alle opere che si vogliono approfondire. Godzilla è tornato sotto…

    % giorni fa

    Spy x Anya: Operation Memories, la recensione: fino all’ultimo scatto

    Spy x Anya: Operation Memories è un gioco firmato Bandai Namco che vede come protagonista…

    % giorni fa