Social

Rubriche

Fumetti per poveri: Dynamite Bundle

Pubblicato

il

Dynamite

Benvenuto popolo di SpaceNerd in quello che spero possa diventare un appuntamento stabile: Fumetti per poveri.

All’interno di questa rubrica mi occuperò di acquistare un pack di fumetti da 1 euro direttamente dal sito Humble Bundle, che ogni mese cambia i prodotti, e di recensire e approfondire i pdf al suo interno. Se dopo la lettura di quest’articolo siete incuriositi, vi invito ad andare sul sito per prendere il pack, poiché i soldi che spendete saranno devoluti in donazioni. Non perdiamo altro tempo ed occupiamoci del bundle di questo mese, dedicato interamente alla Dynamite Entertainment, casa editrice di fumetti americana nota per adattare prodotti culturali principalmente visti in altri media, su fumetto.

Per celebrare i suoi quindici anni, Dynamite ha messo a disposizione davvero tantissimi fumetti come Elvira, Battlestar Galactica, The Six Million Dollar Man e Crackdown. Ci sono ancora tantissimi altri titoli all’interno del pacchetto, ma per questo articolo mi soffermerò su quelli appena elencati.

Battlestar Galactica: Twilight Command

Cominciamo da un classico della fantascienza. Battlestar Galactica è una serie tv del 2004 creata da Ronald D. Moore, già creatore di Star Trek: The Next Generation. La serie racconta la storia della razza umana che, a causa di una sanguinosa guerra contro dei robot chiamati Cylon, è costretta a lasciare il proprio pianeta natale Caprica per andare alla ricerca di una nuova casa. È importante aggiungere che i Cylon, robot inizialmente creati dagli umani, si ribellano e si evolvono, arrivando ad essere in tutto e per tutto delle bio-macchine con le stesse fattezze umane, rendendo impossibile distinguere chi è Cylon da chi è umano.

Il fumetto presente in questo pacchetto della Dynamite si occupa di tratteggiare meglio dei fatti avvenuti nella terza stagione della serie televisiva, aggiungendo avvenimenti e chiarificandone altri, in una storia che svolge bene il ruolo da trampolino di lancio per tutta la serie a fumetti. Sfortunatamente vengono date per scontate molte cose, consiglio quindi di cominciare a guardare la serie tv se interessati. Lo stile di disegno è suggestivo nelle scene dialogate e di tensione mentre in sequenze movimentate e di azione perde carattere, risultando abbozzato e poco rifinito.

Dynamite

 

Crackdown

Proseguiamo con un altro titolo fantascientifico davvero interessante. Crackdown è un fumetto ispirato alla serie di videogiochi omonima sviluppata da Realtime Worlds.

La trama  si sofferma su un gruppo di agenti di una forza paramilitare globale incaricata di mantenere la sicurezza. Durante un’operazione di routine che avrebbe messo la parola fine alle attività illecite congiunte di diverse gang di San Reno, megalopoli futuristica, avviene un inaspettato blackout che trascina nel panico la città e disattiva tutti i sistemi di armamento all’avanguardia dei soldati.

Il disegno della serie Dynamite, realizzato da Ricardo Jaime, è buono e la posizione delle vignette risulta molto dinamica e ben realizzata, regalando delle belle tavole. A confondere è però la sovrabbondanza del lettering. I moltissimi baloon presenti nelle vignette le rendono sature e difficili da leggere, così come confusionarie sono alcune sequenze di dialogo con più personaggi.

Dynamite

 

The Six Million Dollar Man

The Six Million Dollar Man è un fumetto tratto dalla famosissima, e omonima, serie tv anni’80 in onda su ABC.

La trama si sofferma su Steve Austin, colonnello delle forze armate statunitensi che durante una missioni perde le gambe, le braccia e l’occhio sinistro. Essi gli vengono rimpiazzati chirurgicamente con arti cibernetici dalla tecnologia avanzata e il nome della serie è ispirato all’ingente costo sostenuto per l’operazione. Da quel momento viene utilizzato per missioni segrete ad alto rischio e ad alto tasso di botte!

Il fumetto Dynamite è una rivelazione.

I toni della trama, i colori e il disegno riportano nel 2019 un’atmosfera e un’avventura nostalgica, ma con toni attuali. Quella che si legge è infatti una squisita spy story che promette non bene, di più. La narrazione scorre a un ritmo crescente e con un tono di simpatia e di comicità che rende piacevole la lettura. I colori vivaci sono forse il tocco migliore di questo albo a fumetti, che si attesta quindi ad un altissimo livello qualitativo. Insomma, se state cercando un buon fumetto per passare il tempo vedere Steve Austin che picchia cattivoni, questo è il fumetto che fa per voi.

Dynamite

 

Elvira: Mistress of the Dark

Ad un classico segue un altro classico. Elvira è un fumetto ispirato ad un noto film degli anni ’80 recitato dalla famosa Cassandra Peterson, ovvero Una strega chiamata Elvira.

Nel fumetto Dynamite, la protagonista è un’attrice e conduttrice televisiva horror che si ritrova per magia catapultata nel passato, dove incontra niente meno che famosi scrittori di Horror Novel come Mary Shelley e Edgar Allan Poe. Questo piccolo albo di Elvira è un omaggio agli scrittori horror più famosi e una sottile satira ai cliché del genere. Un fumetto sagace, spinto e conscio di sé non solo attraverso la rottura della quarta parete. Elvira all’inizio dell’albo sta girando un film per cui nel momento in cui il ciak finisce noi superiamo un medium, per poi arrivare a spiegare le sue elucubrazioni ai lettori, dimostrando una coscienza di sé come fumetto.

Il fumetto di Elvira rappresenta un prodotto valido e la cui lettura può soltanto divertire. Una buona dislocazione delle vignette, dei bei colori, una sceneggiatura solida ed un buon lettering. Insomma, non ci resta che farci catturare dal fascino della signora delle tenebre Elvira.

Dynamite

 

Tiriamo le somme

Dispiace non aver parlato di altri fumetti presenti all’interno di questo bundle, come Game of Thrones, Xena o Nancy Drew. Sono tutti titoli validissimi, ma ho voluto concentrare questo appuntamento su quelli meno noti, forse, al pubblico italiano. In generale questo bundle rappresenta una vera chicca per gli amanti dei fumetti. Qualsiasi pledge decidiate di prendere, sono soldi ben spesi.

Teniamo in conto anche a chi vanno i soldi del nostro acquisto. Per questo bundle le nostre donazioni possiamo decidere di darle ad Humble Bundle, a Dynamite o al Comic Book Legal Defense Fundun’organizzazione non-profit che protegge i creatori di fumetti dalle censure, limitando quindi il Primo Emendamento della costituzione statunitense sulla libertà di parola e di stampa.

Spendi poco, ottieni tanto e puoi aiutare qualcuno. Nulla di meglio.

Per questo appuntamento di Fumetti Per Poveri è tutto, ricordatevi di seguire SpaceNerd su tutti, ma proprio tutti, i social.

Se siete in cerca di un altro consiglio di lettura vi rimando al mio precedente articolo dedicato a Deadwood Dick.

 

Seguici su tutti i nostri social!

Studente di Scienze Politiche e Sociali, Damiano è appassionato di videogiochi, film, serie TV e fumetti. Ah e non dimentichiamo anche la musica e, ovviamente, la politica. Discute di queste cose in continuazione e, per sfortuna vostra, ha sempre qualcosa da dire. Già redattore su MMO.it, il buon Damiano approda anche su SpaceNerd. Felici o no, ora sono cavoli vostri!

Advertisement
Commenta

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Facebook

TWITCH

Popolari