News

Final Fantasy 7 Remake: ecco come saranno le summon!

Arrivano nuovi dettagli riguardanti le summon in Final Fantasy 7 Remake

Nulla può mancare all’ormai prossimo Final Fantasy 7 Remake! Non a caso, Yoshinori Kitase, conosciuto per aver diretto e gestito lo scenario dell’opera originale Final Fantasy 7 nel 1997, ne rivestirà nuovamente il ruolo di produttore (dopo averlo fatto per Final Fantasy X nel 2001, Final Fantasy X-2 nel 2003, Final Fantasy XIII nel 2009 e Final Fantasy XV nel 2016).

Un tweet con un breve video, pubblicato sul profilo ufficiale riguardante Final Fantasy 7 Remake, mostra il produttore che spiega come sfruttare le nuove funzionalità per quanto riguarda le summon.

“Per le nuove funzionalità di Final Fantasy 7, abbiamo mostrato, al TGS di quest’anno, una scena in cui viene evocato Ifrit” – dice il produttore – “Il giocatore dovrà equipaggiare i materiali per l’evocazione e, successivamente, quei materiali risuoneranno durante i combattimenti contro i boss o contro alcuni nemici potenti. Quando ciò accadrà, i criteri per l’evocazione saranno soddisfatti ed il giocatore potrà quindi selezionare il comando summon, permettendo al mostro evocato di raggiungere il campo di battaglia.”

Articoli che potrebbero interessarti
ADV

“Una volta evocato, Ifrit rimarrà sul campo per un tempo prestabilito e combatterà automaticamente. Quindi, il giocatore di Final Fantasy potrà continuare a controllare Cloud ma avrà anche Ifrit al suo fianco per un po’. Una volta che l’indicatore ATB del personaggio si sarà riempito, egli potrà usarlo per eseguire una delle abilità di Ifrit. Quindi, le evocazioni offriranno la possibilità di eseguire alcuni attacchi estremamente potenti e combattere con un potente alleato quando vengono affrontati dei boss difficili.”

Final Fantasy 7 Remake verrà distribuito il 3 marzo 2020 per PlayStation 4.

Non ci resta che segnare la data e attendere con hype!

ADV
Seguici su tutti i nostri social!
CondividI
Antonio Russo

Classe '95, fiero napoletano. Marchiato nel cuore e nella mente dall'arte. Di conseguenza, dalla cultura nerd. Alcuni mi chiamano Zesku. E ho scoperto nella vita che ho visto e che vorrò vedere micro-mondi che io e voi umani non potremmo immaginarci.

  • Articoli recenti

    Bridgerton – Stagione 3: la recensione in armocromia

    La serie Netflix guilty-pleasure-di-molti-serieprefe-di-pochi, Bridgerton, è finalmente sulla bocca - e gli schermi - di…

    % giorni fa

    X-Men 97, la recensione: I fumetti ripartano dall’animazione

    Con la recente acquisizione dei diritti cinematografici dei personaggi degli X-Men, da anni in un…

    % giorni fa

    Dead Island 2, la recensione: sangue e non-morte tra le strade di Los Angeles

    È ormai da diversi anni che lo sviluppo di un videogioco tripla A stia risultando…

    % giorni fa

    Indika, la recensione: nell’anima di una suora

    Ero rimasta abbastanza colpita dall'annuncio di Indika, ma allo stesso tempo dubbiosa sui suoi contenuti…

    % giorni fa

    Deadpool: Il buono, il brutto e il cattivo, la recensione: Ridi, Pagliaccio

    Deadpool parte alla ricerca delle sue origini assieme a Wolverine e Capitan America. In questa…

    % giorni fa

    Che cos’è il City Pop? Nascita e Rinascita di un genere musicale

    Se una macchina del tempo mi trasportasse nel Giappone di metà anni '80 non credo…

    % giorni fa