News

PlayStation 5: arrivano informazioni dal Sony IR Day 2019

Nell giornata di ieri, Sony ha tenuto un evento chiamato IR Day, durante il quale sono emersi dettagli su PlayStation 5 e sugli obiettivi che la società si è posta per il futuro.

Abbiamo già sentito parlare della nuova console di mamma Sony dalle dichiarazioni di Mark Cerny e, ricollegandoci, abbiamo prova della potenza delle nuove SSD: dal tweet sottostante è possibile verificare quanto i tempi di caricamento siano estremamente brevi sulla piattaforma di prossima generazione. Per la dimostrazione è stata utilizzata una demo tecnica di Marvel’s Spider-Man che su PS4 Pro impiega 8 secondi per caricare uno scenario, mentre sulla next-gen non arriva al singolo secondo.

Articoli che potrebbero interessarti

Le nuove custom SSD saranno fondamentali per il futuro di PlayStation. Sony si è concentrata su due parole chiave per ideare la sua nuova console: “Immersive” e “Seamless“. L’obiettivo infatti è quello di offrire immersività senza limiti, creata appunto grazie all’incredibile potenziamento dei supporti di memoria e alla componente grafica. Viene anche citato il servizio streaming PlayStation Now, che consentirà grazie all’evoluzione del Remote Play un’esperienza di gioco senza interruzioni.

Jim Ryan, CEO di Sony Interactive Entertainment, ha sottolineato che dare più scelta possibile all’utente è fondamentale. Infatti, con la prossima generazione, sarà possibile acquistare giochi in Blu-Ray, scaricarli in formato digitale, oppure giocarli in streaming. Ha poi spiegato che l’attuale generazione di console sarà comunque supportata nei prossimi tre anni, affiancata da The Last of Us 2, Death Stranding e Ghost of Tsushima.

La nuova generazione di console sembra essere sempre più vicina a noi. Senza ancora una data di uscita, PlayStation 5 sembra mettere le mani avanti ancora una volta su quale sarà il “Best Place to Play“. Fateci sapere la vostra opinione!

ADV
Seguici su tutti i nostri social!
CondividI
Simone Montanaro

Sviluppatore software di professione, Simone inizia la sua carriera videoludica già dall’infanzia, crescendo nel mondo PlayStation e seguendo le orme del padre. Predilige per lo più opere con una forte componente narrativa e adora immergersi nei panni dei protagonisti che va via via a giocare. Adora alternare momenti ludici con la visione e/o lettura di opere orientali, ma non si rifiuta di approcciarsi alle novità!

Pubblicato da
Simone Montanaro
  • Articoli recenti

    Deadpool: Il buono, il brutto e il cattivo, la recensione: Ridi, Pagliaccio

    Deadpool parte alla ricerca delle sue origini assieme a Wolverine e Capitan America. In questa…

    % giorni fa

    Che cos’è il City Pop? Nascita e Rinascita di un genere musicale

    Se una macchina del tempo mi trasportasse nel Giappone di metà anni '80 non credo…

    % giorni fa

    Sand Land, la recensione: l’ultima opera di Akira Toriyama

    Ventiquattro anni dopo l'originale uscita nella rivista Weekly Shonen Jump di Shueisha, Sand Land ottiene…

    % giorni fa

    Shibatarian, la recensione: La discreta inquietudine di un’idea strampalata

    Shibatarian, manga shonen a tinte horror-sovrannaturali di Katsuya Iwamuro, pubblicato in Giappone da Shueisha, è…

    % giorni fa

    Civil War, la recensione: Dio (non) benedica l’America

    Ultimo lavoro di Alex Garland prima della sua pausa dal cinema, Civil War è stato…

    % giorni fa

    No Rest for the Wicked, l’anteprima: l’atteso ritorno di Moon Studios

    Ricordo ancora quella meraviglia di Ori and the Blind Forest, alle lacrime versate già nei…

    % giorni fa