Social

Recensioni

“Gyo – Odore di morte” di Junji Ito, la recensione

Pubblicato

il

"Gyo - Odore di morte" di Junji Ito, la recensione 1

Gyo - Odore di morte

7.5

SCENEGGIATURA

6.5/10

DISEGNI

8.5/10

CURA EDITORIALE

7.5/10

Pros

  • Il tratto peculiare di Junji Ito
  • Il disagio e l'inquietudine insite in ogni tavola
  • Il piacere sadico nel veder morire personaggi antipatici

Cons

  • La poca chiarezza in fase di world building
  • La caratterizzazione dei personaggi

Negli ultimi tempi nel panorama a fumetti italiano si sta assistendo alla riscoperta di un certo tipo di manga underground, che fa della sua forza le atmosfere estranianti e le surreali deformazioni dei corpi umani (il cosiddetto Body Horror molto apprezzato da registi occidentali come David Cronenberg e Stuart Gordon). Tra gli esponenti di questo particolare sottogenere orrorifico si possono citare autori come Shintaro Kago (Super conductive Brains Parataxis), Hideshi Hino (Hell baby) e soprattutto Junji Ito (Tomie; Gyo)

Proprio quest’ultimo riesce a distinguersi dagli altri per la peculiarità del suo modo di disegnare. Nelle opere del mangaka, tra cui lo stesso Gyo, l’autore riesce a creare un contrasto netto tra le situazioni ordinarie e quelle straordinarie, modificando radicalmente il metodo d’inchiostrazione.

Se infatti in situazioni che potremmo definire “normali” i personaggi vengono rappresentati attraverso un’inchiostrazione pulita e un tratto tondeggiante, nel momento in cui l’orrore si palesa sulla scena, tutto cambia in maniera netta e brutale. Il tratteggio assale i soggetti in maniera imperante, nervosa e ossessiva, soffocando le figure e pervertendole, così da creare un immediato senso di smarrimento e terrore nello spettatore, fino a quel momento abituato a delle linee sinuose e rassicuranti.

"Gyo - Odore di morte" di Junji Ito, la recensione 2

Il contrasto tra le forme sinuose e pulite di Kaori e il tratteggio ossessivo della creatura genera confusione e inquietudine nel lettore

In Gyo questa sensazione risulta amplificata dal soggetto stesso della storia, in cui la fauna ittica del Giappone invade la terraferma attraverso dei macchinari a forma di zampe di ragno che consentono ai pesci di camminare tra gli uomini.

Seguiamo quindi questa sorta di assurda e delirante invasione apocalittica (non molto dissimile, in realtà, dalle trame dei film horror di serie B anni ’80, come Piraña paura di James Cameron) attraverso gli occhi di Tadashi, che insieme alla fidanzata Kaori si troverà prima a dover sfuggire e poi a trovare una soluzione al problema dei pesci-macchina, grazie sopratutto all’aiuto dello zio, rinomato scienziato in qualche modo collegato al problema.

Il viaggio affrontato da Tadashi assume le connotazioni di un vagabondaggio senza fine tra le strade dell’Inferno. Man mano che l’invasione prosegue, il mondo si riempie anime sofferenti, straziate da una tortura che non li abbandona neanche dopo la morte, trasformando i loro corpi in grottesche parodie di ciò che erano in vita.

L’ispirazione all’immaginario apocalittico occidentale si palesa in alcuni richiami visivi espliciti, tra cui spicca quella di Baphomet in uno dei momenti più emblematici dell’intera storia, o le orge di cadaveri ammassati e costretti ad un infinito calvario tra le esalazioni mefitiche dei loro stessi corpi, possibile richiamo al contrappasso dei golosi nella Divina Commedia.

"Gyo - Odore di morte" di Junji Ito, la recensione 3

Il futuro degli uomini come schiavi delle macchine, alimentate dalla loro stessa inerzia

Le reazioni dei personaggi allo straordinaria ondata di orrore che fa capolino nelle loro vite viene raffigurato con altrettanta maestria. Junji Ito, come detto, utilizza uno stile più asciutto e pulito per gli esseri umani non ancora colpiti dal male, e questo gli permette di dipingere sui loro volti espressioni caricaturali plastiche ma tremendamente esplicative, che attingono alle espressioni esagerate dei personaggi del mangaka Umezu Kazuo (Aula alla deriva) al quale Ito ha sempre dichiarato di essersi ispirato.

Tuttavia, a fronte di un disegno indubbiamente pregiato e unico nel suo genere, Gyo non dimostra altrettanta pregevolezza dal punto di vista della scrittura. La trama si dipana senza particolare originalità, facendo della sua forza il citazionismo al cinema underground e la generale spettacolarizzazione delle scene truculente.

Junji Ito ha cercato di mantenere un certo equilibrio tra la plausibilità scientifica e la componente soprannaturale, perdendo le redini della prima e abbandonandosi alla seconda senza particolari spiegazioni, nonostante il plot stesso si poggi su basi “concrete”. Tale scelta è sì funzionale ad alimentare il senso di smarrimento generale, ma crea anche un buco logico difficile da ignorare.

A ciò si unisce una caratterizzazione dei personaggi allo stesso mondo blanda e stereotipata, che porta a prevedere facilmente lo sviluppo degli eventi.

Nonostante questi difetti, lo sviluppo della minaccia e della componente orrorifica viene gestito in maniera brillante, portando il lettore a voler costantemente voltare pagina per il puro piacere di assistere a nuove trovate macabre.

Seguici su tutti i nostri social!

Cercò per lungo tempo il proprio linguaggio ideale, trovandolo infine nei libri e nei fumetti. Cominciò quindi a leggerli e studiarli avidamente, per poi parlarne sul web. Nonostante tutto, è ancora molto legato agli amici "Cinema" e "Serie TV", che continua a vedere sporadicamente.

Advertisement
Commenta

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Facebook

TWITCH

Popolari