Videogiochi

Anteprima di Prince of Persia The Lost Crown, il nostro provato alla Milan Games Week x Cartoomics 2023

Mentirei se vi dicessi che non aspettavo quest’anteprima di Prince of Persia The Lost Crown praticamente fin da quando lo hanno annunciato.

Chi mi conosce un po’ sa che la serie del “Principe maledetto” dei videogiochi mi sta particolarmente a cuore, quindi potete immaginare l’hype a 3000 che mi è partito al momento dell’annuncio.

Parliamo di un titolo che, a parte le polemiche iniziali su scelta della canzone di presentazione e protagonista, ha incuriosito in positivo un po’ tutti fin dal primo trailer, soprattutto per il gameplay.

Finalmente, grazie a Nintendo che lo ha portato tra i titoli per la Milan Games Week x Cartoomics 2023, siamo riusciti a provarlo: come se l’è cavata quindi questo Prince of Persia: The Lost Crown nella nostra prova?

ADV

Il primo contatto con l’anteprima di Prince of Persia The Lost Crown

La demo ci catapulta subito nell’azione, in una fase ambientata in una parte abbastanza iniziale del gioco o quantomeno pensata ad hoc.

Questa sezione è anche quella già mostrata alle varie conferenze dei mesi passati, che prevede esplorazione e combattimenti con nemici base di diverso tipo ma (giustamente) poca storia.

In ogni caso, per fare un “recap” a chi si è perso questo titolo, Prince of Persia: The Lost Crown è un nuovo titolo dell’omonimo brand Prince of Persia che prevede meccaniche più fedeli ai classici “originali” e aspetti più metroidvania che analizzeremo più tardi.

Il titolo racconta la storia di Sargon, un guerriero facente parte degli Immortali (la guardia reale) che deve salvare l’omonimo principe che dà il nome al gioco.
Insieme a lui, alcuni amici gli altri Immortali: tutti insieme dovranno affrontare questa crisi mettendo a disposizione le proprie abilità.

ADV

Se oltre ciò la prova non mostra nient’altro lato trama, infatti c’è giusto una cutscene che più che rivelare un po’ il mood del gioco non fa, considerazione diversa si può fare per ambienti, level design, effetti speciali e (in parte) colonna sonora.

Graficamente il titolo sembra ispirato, curato e moderno: nella prova ho potuto constatare come le animazioni fossero tanto reattive quanto di alta qualità, come i fondali e gli elementi a schermo contribuiscono a darci quest’impressione di un mondo comunque vivo e non di stantio livello; cosa che comunque il mondo di gioco non sembra essere, visto che invece dà più il senso di esplorazione interconnessa classica dei metroidvania.

I nemici sembrano anch’essi curati nel moveset e cifra stilistica, però è davvero poco per immaginarsi il livello di cura complessiva, per quello che son riuscito a provare.
Discorso speculare per OST ed effetti sonori, che andranno valutati meglio quando il 18 gennaio sarà nelle nostre case, ma come promesso dagli sviluppatori, sembrano fedeli all’ambientazione del gioco.

Articoli che potrebbero interessarti

Da segnalare che, nonostante l’ottima qualità grafica che riesce a restituire Nintendo Switch, la console su cui abbiamo provato il titolo, il frame rate non sembra essere affidabilissimo… confidiamo che questo sia un problema dovuto e limitato alla build non definitiva.

Come il classico si rivela più attuale che mai

La prima cosa che si nota fin da subito, come accennato poco fa, è che l’esplorazione è in tutto e per tutto simile alla classica dei metroidvania, anche se “semplificata” e abbastanza lineare nel suo core legata alla progressione della storia, caratteristica comunque rimarcata/influenzata dalla presenza di parecchi muri artificiosi inseriti a scopo di demo nella nostra prova.

ADV

Questo è importante perché risponde ad uno dei dubbi più ricorrenti; anche se devo aggiungere che si distingue dai classici metroidvania perché più che altro il risultato finale dà costantemente la sensazione di un’evoluzione della formula dei classici Prince of Persia per home computer in salsa metroidvania che il contrario.

Sul sistema di movimento e di combattimento, infatti, Prince of Persia: The Lost Crown fa un lavoro bizzarro, ma ben riuscito, di unione dei sistemi dei “moderni” PoP ibridandoli con quelli dei metroidvania più frenetici come per esempio Dead Cells.

Da quest’ultimo sembra ispirarsi anche per il sistema di utilizzo armi e abilità, che riescono a rendere il tutto più adrenalinico.
Bisogna sottolineare però che qui l’utilizzo delle tecniche è subordinato al caricamento di una barra abilità che si riempirà combattendo (in modo analogo a come succede nei Marvel’s Spider-Man moderni) e quindi non sarà possibile utilizzare continuamente le mosse speciali a disposizione che andranno un minimo gestite con parsimonia.

Questa struttura è sorretta da una gestione a macroaree esplorabili in verticale e di checkpoint basati sui Wak-Wak tree: alberi magici che fungeranno appunto da punto di rinascita, ma ci permetteranno anche di curarci e gestire gli amuleti. Questi ultimi sono delle specie di rune passive che, per fare appunto un paragone con Dead Cells, assomigliano meccanicamente alle mutazioni ma incidono di più sul gameplay stesso più che sulle statistiche passive.

ADV

Va bene giocare con il tempo, ma 18 gennaio arriva presto

L’unica cosa che onestamente mi sento di dire è che sono davvero troppo curioso, ora più di prima, di sapere come si rivelerà questo interessantissimo prodotto di Ubisoft Montpellier.

In questa (breve) anteprima di Prince of Persia The Lost Crown si è rivelato un prodotto dalle molteplici sfaccettature, interessante e sicuramente una delle cose più intriganti, coraggiose e particolari partorite dalla Ubisoft degli ultimi anni: finalmente qualcosa di un po’ più sperimentale che si discosta dai soliti canoni ai quali ci hanno abituato.

Sarà riuscita la casa di origine francese a regalarci con Prince of Persia: The Lost Crown un nuovo titolo all’altezza dello storico brand di cui porta il nome?

Seguici su tutti i nostri social!
CondividI
Cosimo "Kojimo" Riondino

Caporedattore e owner di SpaceNerd.it. Videogiocatore fin dai 5 anni, cresciuto con attorno Gameboy, Sega Master System e Playstation One. La sua saga preferita è quella di "Prince of Persia", ovviamente a partire dai giochi pre-Ubisoft, che lo ha legato in modo indissolubile dall'infanzia ad oggi al mondo videoludico. Altri suoi hobby ed interessi sono anime, la programmazione, musica e la tecnologia in generale.

  • Articoli recenti

    Love and Curse vol. 1, la recensione: un sutra di vendetta

    Love and Curse è una serie semi-autobiografica in tre volumi della mangaka Fumiko Fumi, portata…

    % giorni fa

    Past Lives, la recensione: amore tra tempo, spazio e contraddizioni

    Era impossibile che il mio personale approccio a Past Lives potesse avvenire in maniera convenzionale.…

    % giorni fa

    Helldivers 2, la recensione: PER LA DEMOCRAZIA!

    Mi sono arruolato tra le fila dell'organizzazione militare a difesa della Super Terra un po'…

    % giorni fa

    Persona 3: Reload, la recensione: il nuovo volto della S.E.E.S

    La rinascita di Persona 3 Persona 3 è un titolo molto caro ad Atlus, perché…

    % giorni fa

    Colorless vol. 1, la recensione: un mondo senza colori

    Qualche mese fa, come redazione di SpaceNerd, abbiamo avuto il piacere di intervistare il fondatore…

    % giorni fa

    Suicide Squad: Kill the Justice League, la recensione: chi sono i veri criminali?

    Era il lontano 2009 quando una giovane Rocksteady pubblicò quello che è ancora ad oggi…

    % giorni fa