Categorie: FumettiRecensioni

Black Hammer – L’universo supereroistico di Jeff Lemire

Black Hammer

19.00€
8

Sceneggiatura

8.0/10

Disegni

8.0/10

Cura editoriale

8.0/10

Pros

  • La capacità di Lemire nel piegare alla propria sensibilità di autore la narrazione supereroistica
  • I personaggi
  • L'estetica kirbyana 2.0 di Dean Ormston

Cons

  • Gli sporadici problemi nella gestione del ritmo nell'ultimo volume

Black Hammer, serie a fumetti edita da Dark Horse Comics – in Italia da Bao Publishing – ideata e scritta da Jeff Lemire con disegni di Dean Ormston, David Rubìn e Rich Tommaso, potrebbe apparire come l’ennesimo tentativo di creare da zero un universo supereroistico alternativo a quelli di Marvel e DC. Di esperimenti del genere, più o meno fallimentari, se ne sono visti tantissimi nel corso degli anni, soprattutto ’90: Valiant, WildStorm e Milestone sono solo i più altisonanti.

Proprio nella WildStorm di Jim Lee possiamo trovare l’universo supereroistico più in linea con lo spirito di Black Hammer: l’America’s Best Comics di Alan Moore.

Proprio come il Bardo di Northampton agli inizi degli anni 2000, anche Jeff Lemire crea un personale Pantheon supereroistico attingendo ai canoni del genere, per poi declinarli alle proprie suggestioni di autore.

Black Hammer: Supereroi con super-disagi

Lemire è uno degli autori più abili e giustamente apprezzati del fumetto contemporaneo, ma anche uno dei più riconoscibili e, a voler essere maligni, ridondanti. Le sue storie sono sempre accomunate da paesaggi rurali isolati; da personaggi tormentati dagli errori e dai traumi passati che ne hanno offuscato i sogni di gloria e la felicità; dal concetto di “famiglia” – in particolare il rapporto padre-figlio – come rifugio e allo stesso tempo dannazione. L’intero universo di Black Hammer non fa eccezione.

ADV

Il setting della storia è proprio una fattoria sita in una comunità semplice e, letteralmente, isolata dal resto della realtà. I personaggi sono tutti ex-supereroi, lì ritrovatisi in seguito ad una vera e propria Crisi che li ha visti confrontarsi con un essere potente e apocalittico: l’Anti-Dio (una sorta di fusione tra Darkseid, Anti-Monitor e Galactus). Questo evento ha portato alla morte di uno di loro, Black Hammer (mashup di Thor e Superman), il supereroe più potente del mondo.

Nei primi due volumi della serie, Origini e L’Evento, scopriamo il passato degli eroi sopravvissuti, ognuno dei quali incarnante un preciso stereotipo del fumetto supereroistico, e i loro tentativi di lasciare quella realtà alternativa per tornare al loro mondo. All’interno del gruppo cominciano a formarsi degli attriti tra chi vorrebbe tornare indietro, come Golden Gail (la “versione Lemire” di Shazam), una donna di 50 anni intrappolata nel corpo del proprio alter-ego con superpoteri: una bambina di 8 anni, e chi vorrebbe invece rifarsi una vita nella realtà alternativa, in primis Abraham Slam (epigono di Wildcat e Capitan America), ex-pugile stanco e alcolizzato che vede nella loro nuova condizione l’opportunità di non accettare l’ineluttabilità della vecchiaia.

A questi si aggiungono:

Articoli che potrebbero interessarti
ADV
  • Barbalien (dal connubio tra John Carter di Marte e Martian Manhunter), un marziano mutaforma esiliato sul pianeta Terra e riciclatosi come poliziotto. Lemire utilizza questo personaggio per parlare di, banalmente, di diversità: Barbalien è discriminato non solo in quanto mostro alieno, ma anche in quanto omosessuale. In questo senso, i suoi poteri diventano una vera e propria “maschera” atta a nasconderne l’Io e ricercare l’accettazione altrui.
  • Il Colonnello Randall Weird (che richiama sia nel nome sia nell’occupazione di avventuriero cosmico Flash Gordon e Adam Strange), personaggio quasi esclusivamente metanarrativo rappresentante la corrente fantascientifico-psichedelica che invase il fumetto di supereroi negli anni 60-70. Lui è in grado di “vedere” la struttura della realtà (e quindi della trama), peculiarità esplicitata dal suo prevedere gli eventi cardine della storia, apparendo falsamente ai lettori come pazzo e schizofrenico.
  • Madame Dragonfly, la cui storia introduttiva riprende a piene mani dai fumetti horror della EC Comics, è il personaggio più tragico del gruppo, nonché quello di cui è più difficile parlare senza incappare in spoiler. Il suo trauma, causato da una dolorosa perdita, la porta a sviluppare un’ossessione morbosa per i propri affetti manifestata in azioni fortemente ambigue.
  • Talky Walky, un robot trovato dal Colonnello Weird in una delle sue avventure (disegnata per l’occasione da uno dei migliori disegnatori in circolazione: David Rubìn) e divenutone inseparabile spalla. Giocandosela “alla Asimov” Lemire la rende (il femminile non è usato a sproposito) il personaggio emotivamente più sano e altruista del gruppo.

Le analogie tra il Black Hammer Universe e l’ABC di Alan Moore non si fermano alla semplice decostruzione e all’autoreferenzialità. Lemire imbastisce un giallo metanarrativo Watchmen style a conduzione famigliare alternato ai flashback dei singoli eroi, inscenati con lo stile delle storie a fumetti di riferimento (pulp anni ’30, fantascienza anni ’50 e tanto, tantissimo Jack Kirby). Tale struttura è tipica del modo di fare alla Moore e risale agli inizi della sua carriera con Miracleman, per poi affinarsi e consolidarsi in opere dalla sempre più forte vena citazionista, come Supreme e Tom Strong. Tuttavia, a differenza di Moore, Lemire risulta molto meno ridondante e verboso. Black Hammer si discosta dalle digressioni enfatiche operate attraverso le didascalie, tipiche dei primissimi lavori dello scrittore, per concentrarsi su dialoghi asciutti e diretti incentrati sulla pesantezza concettuale, piuttosto che testuale. Laddove i personaggi di Moore – praticamente dei pupazzi sviscera-concetti – comunicavano attraverso lo stesso, artificioso registro vittoriano, Lemire ne sceglie con cura uno per ogni protagonista: sboccato ed esasperato per la sessualmente frustrata Gail; educato e delicato per l’emotivo Barbalien; estraniante e “fuori dal mondo” per Randall ecc.

Ne esce fuori una lettura dal ritmo cadenzato, in grado di far appassionare immediatamente il lettore al cast di eroi-non-eroi strappati al loro contesto spazio-temporale e, per questo, sempre in bilico tra depressione e pazzia; il tutto conservando quella delicatezza che ha reso celebre le prime opere di Jeff Lemire, su tutte Essex CountyIl saldatore subacqueo. Il mistero trainante della vicenda – allegoria dei concetti di reboot e legacy di stampo DC, incarnati dal personaggio di Lucy Weber, figlia di Black Hammer – risulta sì interessante, ma passa quasi in secondo piano rispetto alle motivazioni e alle evoluzioni dei protagonisti.

Dean Ormston, disegnatore titolare della testata, nonostante i gravissimi problemi di salute che ne hanno in parte minato le performance, è riuscito a legare anche a livello grafico Black Hammer alla corrente revisionista mooriana degli anni ’80 grazie al suo tratto grezzo e ruvido, debitore proprio di Jack Kirby per le anatomie massicce e sgraziate, l’espressività grottesca e l’inchiostrazione “macchiata”, sebbene quest’ultima presenti maggiori analogie con i fumetti horror della Warren Publishing. Il suo stile peculiare, espressivo e registicamente accurato che modernizza l’estetica del Quarto Mondo, dona un tocco distintivo notevole alla serie rispetto al panorama supereroistico odierno, rendendo ancor di più Black Hammer un prodotto autoriale.

ADV

Black Hammer è un fumetto sicuramente derivativo per molti aspetti, eppure proprio per questo risulta tremendamente amichevole nei confronti di chi, dei supereroi, crede di averne avuto abbastanza, ma non vuole proprio farne a meno; e anche di chi, invece, vorrebbe assaggiarne una fetta, ma non ci pensa proprio a recuperare i fumetti Marvel e DC. Giustamente.

Nell’analisi sono stati esclusi i vari spin-off del Black Hammer Universe (Sherlock Frankenstein e la Legione del Male, Quantum Age, Skulldigger…). Però non è escluso che, in futuro, con il vostro interesse, si possa rimediare.

Seguici su tutti i nostri social!
CondividI
Vittorio Pezzella

Cercò per lungo tempo il proprio linguaggio ideale, trovandolo infine nei libri e nei fumetti. Cominciò quindi a leggerli e studiarli avidamente, per poi parlarne sul web. Nonostante tutto, è ancora molto legato agli amici "Cinema" e "Serie TV", che continua a vedere sporadicamente.

Vedi commenti

Pubblicato da
Vittorio Pezzella
  • Articoli recenti

    Bridgerton – Stagione 3: la recensione in armocromia

    La serie Netflix guilty-pleasure-di-molti-serieprefe-di-pochi, Bridgerton, è finalmente sulla bocca - e gli schermi - di…

    % giorni fa

    X-Men 97, la recensione: I fumetti ripartano dall’animazione

    Con la recente acquisizione dei diritti cinematografici dei personaggi degli X-Men, da anni in un…

    % giorni fa

    Dead Island 2, la recensione: sangue e non-morte tra le strade di Los Angeles

    È ormai da diversi anni che lo sviluppo di un videogioco tripla A stia risultando…

    % giorni fa

    Indika, la recensione: nell’anima di una suora

    Ero rimasta abbastanza colpita dall'annuncio di Indika, ma allo stesso tempo dubbiosa sui suoi contenuti…

    % giorni fa

    Deadpool: Il buono, il brutto e il cattivo, la recensione: Ridi, Pagliaccio

    Deadpool parte alla ricerca delle sue origini assieme a Wolverine e Capitan America. In questa…

    % giorni fa

    Che cos’è il City Pop? Nascita e Rinascita di un genere musicale

    Se una macchina del tempo mi trasportasse nel Giappone di metà anni '80 non credo…

    % giorni fa