Recensioni

Green Lantern Legacy (2020), la recensione

Green Lantern Legacy

10,20 €
8.3

SCENEGGIATURA

8.5/10

DISEGNI

8.0/10

CURA EDITORIALE

8.3/10

Pros

  • Buona sceneggiatura
  • Ottima palette di colori
  • Tematiche sociali di sottotesto

Cons

  • Introspezione presente, ma semplicistica

Green Lantern Legacy nasce con uno scopo molto specifico: rinnovare un franchise con nuovi personaggi e nuove storie. Questo per portare un po’ di aria fresca alla produzione e, soprattutto, per parlare ad un nuovo pubblico. Un pubblico giovane che si ritroverebbe in difficoltà nel recuperare l’immensa letteratura precedentemente pubblicata. Nuovi personaggi e nuove idee che possano finalmente parlare ai giovanissimi.

La nuova graphic novel sulle Lanterne Verdi sembra avere proprio questo scopo: portare un po’ di aria fresca all’interno di un franchise vasto e complesso.

Green Lantern Legacy porta la firma di Minh Le alla sceneggiatura e di Andie Tong alle illustrazioni. I due autori si sono imbarcati nell’impresa titanica di riscrivere la mitologia delle Lanterne Verdi e di attualizzarne i riferimenti culturali, trattando tematiche sociali complesse e cercando di parlare alle nuovissime generazioni, riuscendo in alcune parti e non tanto in altre. La graphic novel è uscita negli Stati Uniti il 21 gennaio di quest’anno e non è ancora prevista una data di uscita con traduzione in italiano.

Storia di immigrazione

La narrazione di questa graphic novel ribalta la classica impostazione di storytelling tipica del mondo americano. I protagonisti non sono più eroi di guerra, bensì terze generazioni di immigrati nate negli Stati Uniti. Il nostro protagonista è infatti Tai Pahm, un giovane ragazzino di origini vietnamite che alla morte di sua nonna, a sua insaputa membro delle Lanterne Verdi, viene scelto dall’anello del coraggio e insignito del nuovo e importante compito di proteggere la Terra dal possibile attacco di Sinestro e delle sue Lanterne Gialle.

ADV

L’intreccio si ambienta in un contesto di quartiere etnico in forte degrado, nel quale criminalità ed episodi di razzismo sono molto frequenti e difficilmente arginabili (per quanto riguarda il razzismo nei fumetti potete leggere il mio articolo su Deadwood Dick). Alla base dell’intreccio vi è non solo una tematica sociale multiculturale di profonda critica, mista a episodi di discriminazione e a disparità presenti ancora nel 2020, ma soprattutto una tematica anti-gentrificazione poco gentile nei confronti del modello “innovazione a tutti costi” tipico dell’America degli ultimi cent’anni. Una critica sociale importante (condivisibile o meno) che difficilmente viene trattata in un prodotto per ragazzi, quando invece è presente nella letteratura e nei film/serie tv per adulti, come ad esempio nella serie Netflix su Daredevil.

Coraggio contro paura

La graphic novel affronta anche l’introspezione del personaggio principale, ma la declina in un modo forse fin troppo semplicistico per gli standard del franchise. Nella letteratura dedicata all’universo narrativo delle Lanterne Verdi risiede una visione largamente pluralista. Sia a livello di caratterizzazione dei personaggi principali che di composizione dello stesso universo. E’ infatti possibile trovare Lanterne di diversi colori che rispecchiano personalità e comportamenti di diversa intensità, tutti ugualmente presenti nell’individuo in diverse declinazioni. Ma trionfare, in maniera momentanea, è sempre solo uno di questi aspetti. Ad esempio esistono la Lanterna Verde del coraggio, la Lanterna Rossa della rabbia, la Lanterna arancione dell’avarizia e tante altre.

Articoli che potrebbero interessarti

Una visione pluralista dell’individuo che non si ferma alla distinzione manichea di bene e male tipica di molte religioni, poiché il bene e il male sono soggettivi. L’introspezione di Tai Pahm vede il confronto tra il suo lato pauroso da Lanterna Gialla e quello coraggioso da Lanterna Verde, esattamente come nel confronto interiore di Luke Skywalker tra il suo lato chiaro e il lato oscuro durante l’addestramento su Dagobah.

Gli autori hanno quindi ristretto la possibile introspezione del personaggio solo ad una questione di paura e coraggio, non contando invece tutto il differente spettro emotivo che ha da sempre caratterizzato le storie e la mitologia di Lanterna verde. Basti pensare alla Lanterna verde Guy Gardner che passa alle Lanterne Rosse, o a Kyle Rayner che da Lanterna Verde assorbe tutti gli spettri di luce e incarna così l’unica Lanterna Bianca dai tempi della maxi-serie La notte più profonda.

ADV

Disegni e tavole

Le tavole di Green Lantern Legacy presentano uno stile di disegno cartoonesco e dinamico, visibilmente influenzato dal panorama indipendente americano e dalla tecnica manga, adatto ad un pubblico di tutte le età. La palette di colori prevalentemente saturi regala delle tavole vivacissime e visivamente impattanti. La sceneggiatura, a parte alcune cadute nella terminologia giovanile, è di livello e crea dei dialoghi asciutti ed omogenei dalla piacevole lettura. Lo storytelling risulta sempre chiaro anche nella messa in scena di azioni frenetiche, favorendo lo scorrere fluido della narrazione.

Green Lantern Legacy è un prodotto valido?

Green Lantern Legacy è un buon fumetto per ragazzi, necessario e di impatto. Affronta difficili tematiche sociali dal punto di vista di un ragazzino. Una lettura consigliata sia agli appassionati della serie di Lanterna Verde, che potranno scorgere nel nuovo personaggio una storia di spessore poco stereotipata, ma soprattutto nelle persone che vogliono approcciarsi all’universo narrativo di Lanterna Verde senza dover recuperare la mole di letteratura finora uscita.

Nel giorno più splendente, nella notte più profonda,
nessun malvagio sfugga alla mia ronda.
Colui che nel male si perde, si guardi dal mio potere:
la luce di Lanterna Verde.

Seguici su tutti i nostri social!
CondividI
Damiano D'Agostino

Studente di Scienze Politiche e Sociali, Damiano è appassionato di videogiochi, film, serie TV e fumetti. Ah e non dimentichiamo anche la musica e, ovviamente, la politica. Discute di queste cose in continuazione e, per sfortuna vostra, ha sempre qualcosa da dire. Già redattore su MMO.it, il buon Damiano approda anche su SpaceNerd. Felici o no, ora sono cavoli vostri!

Pubblicato da
Damiano D'Agostino
  • Articoli recenti

    Bridgerton – Stagione 3: la recensione in armocromia

    La serie Netflix guilty-pleasure-di-molti-serieprefe-di-pochi, Bridgerton, è finalmente sulla bocca - e gli schermi - di…

    % giorni fa

    X-Men 97, la recensione: I fumetti ripartano dall’animazione

    Con la recente acquisizione dei diritti cinematografici dei personaggi degli X-Men, da anni in un…

    % giorni fa

    Dead Island 2, la recensione: sangue e non-morte tra le strade di Los Angeles

    È ormai da diversi anni che lo sviluppo di un videogioco tripla A stia risultando…

    % giorni fa

    Indika, la recensione: nell’anima di una suora

    Ero rimasta abbastanza colpita dall'annuncio di Indika, ma allo stesso tempo dubbiosa sui suoi contenuti…

    % giorni fa

    Deadpool: Il buono, il brutto e il cattivo, la recensione: Ridi, Pagliaccio

    Deadpool parte alla ricerca delle sue origini assieme a Wolverine e Capitan America. In questa…

    % giorni fa

    Che cos’è il City Pop? Nascita e Rinascita di un genere musicale

    Se una macchina del tempo mi trasportasse nel Giappone di metà anni '80 non credo…

    % giorni fa