News

Devil May Cry 3 Special Edition: la saga rivive su Switch

Feels ne abbiamo? Devil May Cry 3 è tornato.

Gran parte dei patiti della saga videoludica Devil May Cry non avrà dubbi in merito: il terzo capitolo della serie è sicuramente il degno prologo di una serie di videogames passati alla storia.

Dopo un indimenticabile Devil May Cry 5, ecco allora sbarcare le primissime vicende del leggendario cacciatore di demoni su Nintendo Switch. Come già per i due precedenti capitoli (già presenti nello store Switch), anche DMC3 SE è pronto al porting su Switch, nella sua Special Edition.

Devil May Cry 3 Special Edition: l’origine del mito

Seppur sia infatti il terzo in ordine d’uscita, è questo capitolo a rappresentare l’inizio della storia dei fratelli Sparda. Siamo nel 2005, e fin da subito gli sviluppatori capirono di avere tra le mani un prodotto che avrebbe meritato un degno approfondimento: quel gioco era Devil May Cry 3: Dante’s Awakening.

ADV

La sua Special Edition (lo ricordiamo ai profani) permetteva infatti di completare il gioco non solo nei panni di Dante, ma anche del suo tenebroso fratello gemello Vergil. Il tutto, condito dalla compagnia della misteriosa Lady, del servitore Arkham e del giullare Jester.

Articoli che potrebbero interessarti

Diciamocelo: ma quanto era bella la colonna sonora di Devil May Cry 3?

Ed eccolo qui tornare in auge sulla console del momento, quasi 15 anni dopo: avete letto benissimo. Ma che dire, è il caso di dire che questo gioco non sembra invecchiato di un solo giorno (a differenza nostra).

DMC3 è una preziosa pietra miliare che tutti i videogiocatori dovrebbero recuperare, nel caso in cui non si fossero mai approcciati alla saga Capcom. Se siete quindi appassionati di Devil May Cry, neofiti, o volete semplicemente arricchire la vostra collezione di giochi per Nintendo Switch, non potreste trovare occasione migliore.

ADV

La data d’uscita? Neanche troppo lontana: sarà disponibile infatti a partire dal 20 febbraio 2020 al prezzo di 19,99 euro.

Seguici su tutti i nostri social!
CondividI
Jolandanta

Cosplayer per diletto, per lei Dante è sia il poeta stilnovista che il cacciatore di demoni per eccellenza. "I demoni non piangono mai" è vero, ma davanti al film, alla serie tv, al videogioco, al fumetto, o al libro giusto diventa una fontana, e prova anche a recensirli di tanto in tanto.

Pubblicato da
Jolandanta
  • Articoli recenti

    Che cos’è il City Pop? Nascita e Rinascita di un genere musicale

    Se una macchina del tempo mi trasportasse nel Giappone di metà anni '80 non credo…

    % giorni fa

    Sand Land, la recensione: l’ultima opera di Akira Toriyama

    Ventiquattro anni dopo l'originale uscita nella rivista Weekly Shonen Jump di Shueisha, Sand Land ottiene…

    % giorni fa

    Shibatarian, la recensione: La discreta inquietudine di un’idea strampalata

    Shibatarian, manga shonen a tinte horror-sovrannaturali di Katsuya Iwamuro, pubblicato in Giappone da Shueisha, è…

    % giorni fa

    Civil War, la recensione: Dio (non) benedica l’America

    Ultimo lavoro di Alex Garland prima della sua pausa dal cinema, Civil War è stato…

    % giorni fa

    No Rest for the Wicked, l’anteprima: l’atteso ritorno di Moon Studios

    Ricordo ancora quella meraviglia di Ori and the Blind Forest, alle lacrime versate già nei…

    % giorni fa

    Rascal Does Not Dream of Bunny Girl Senpai, la recensione

    Dopo anni di attesa finalmente Rascal Does Not Dream è arrivato anche in Italia grazie…

    % giorni fa