News

Le recensioni di SpaceNerd: quando, dove, come, perché

Ma perché scrivete così le recensioni?

Se sei un curioso lettore che si è sempre posto questa domanda inerente le nostre recensioni, ho ottime notizie: questo è l’articolo che fa per te.

Un articolo metaletterario, che ti spiegherà accuratamente come e perché le nostre recensioni si strutturano in un determinato modo. Non siamo pazzi suvvia, solo parecchio pignoli, poco oggettivi ma parecchio obiettivi. O almeno, una di queste è sicuramente vera. 

Irony Alert: Per evitare di offendere qualsivoglia persona, avvertiamo che i toni utilizzati in questo articolo sono puramente e fortemente ironici.
Ma di fondo le definizioni sono vere, cercate di coglierne il significato eh!

Vediamo allora, categoria per categoria, i vari parametri utilizzati nelle recensioni con relativa spiegazione.


Videogiochi

Parlando di videogiochi, abbiamo tre parametri principali:

  • Gameplay e longevità

Se un uomo dal futuro recuperasse una copia di questo videogame e con un emulatore (vista ormai l’eventuale imminente uscita della PlayStation 69 e Nintendo Switch The Light – Kira 001) decidesse di giocarci, troverebbe il gameplay e la longevità adatti all’esperienza che l’opera in questione si impegna a riprodurre? Ebbene sì: siamo recensori molto lungimiranti e situazionali, ecco.

  • Comparto grafico e sonoro

Se un nostro lettore giocasse per 47 ore consecutive al videogioco in esame, quanto comprometterebbe il senso dell’udito? Oppure: come ha fatto a giocarci per 47 ore senza perdere il senno a suon di generic ambient fantasy music? Domande esistenziali signori: solo il meglio per i nostri lettori di SpaceNerd.

Più in generale, insomma, quanto la musica e i pixel colorati del caso sono adatti al contesto? Avrebbero dovuto curare diversamente uno o entrambi gli aspetti per far passare meglio il messaggio? Meglio pandoro o panettone?

  • Coerenza e cura del dettaglio

Diciamocelo: quanto è bello Read Dead Redemption 2? Vogliamo parlare di quanto sia realistico anche solo nella perfetta ricostruzione dei genitali equini? Bisogna, è anzi necessario far caso a queste piccole perle, queste chicche preziosissime da custodire per sempre nelle argomentazioni del nostro parere.

O forse no, però andava citata questo aspetto del quasi GOTY 2018 secondo i The Game Awards come massimo esponente della categoria: in realtà qui semplicemente diamo un parere su quanto il gioco è coerente con se stesso e compatto, il parametro bonus “cazzimma” per intenderci.


Tech

Tecnologia, la mamma della nostra generazione. Parliamone serenamente analizzando:

  • Design

Ricordate l’uomo del futuro? Beh, quando facilmente riconoscerebbe un cellulare in quel cumulo di vetri rotti fin da 5 mesi dopo l’acquisto? Bisogna pensare anche a questo, anche se quasi sicuramente, nel futuro, vedendo la nostra tecnologia alquanto démodé verremmo interpretati come homini habili na mezzas cosas. 

  • Prestazioni

Calma: tutti noi abbiamo l’ansia da prestazione. Ma l’importante, lo si sa, non è la grandezza ma come lo si usa, idem con una scheda video RTX appena annunciata fiammante. Ma mi raccomando: mai togliere la pellicola protettiva per evitare incidenti indesiderati. 

  • Rapporto qualità/prezzo

Chiediamolo a Carlo, che mesi fa si è fatto togliere il rene sinistro per essere sempre al passo con le nuove uscite. Come dici? Stai pensando di toglierti anche l’altro? Massì caro Carlo, la dialisi non è poi così male avresti dovuto rivolgerti a noi di SpaceNerd, mannaggia a te!.
(Che poi magari quel mega telefono lo trovavi uguale a metà prezzo da @OfferteSpaceNerd su Telegram, ma shh)


Film / Serie TV / Animazione

Sì, triggheriamoci tutti insieme: gli anime li mettiamo qui. Punto.  Non hanno una macrocategoria tutta loro, chissà perché eh.

Articoli che potrebbero interessarti
  • Regia

Veniamo al sodo: il capo, la mente dietro tutto il lavoro, come se l’è cavata? Analizziamolo bene nelle recensioni eh.

Sono d’accordo: Gli Occhi del Cuore è diretto decisamente meglio di Game of Thrones, tranquilli. René Ferretti unico e solo miglior regista di sempre.

  • Scrittura

Quante notti insonni ha passato lo sceneggiatore a scrivere, tra le urla del regista e le angherie dei produttori Amazon e Netflix? Poche, troppe poche: perché alla fine, nel bene e nel male, ci sarà sempre chi massacrerà il suo lavoro nelle recensioni. Che lavoro di me… meri, meri stenti. 

  • Comparto Tecnico

Qui serve essere tecnici: quanto può essere tecnico un cartone? Tecnicamente, molto: abbiamo il tetrapack, multistrato, riciclato. Tutto sta nel come lo si utilizza, come lo si anima, come si scelgono le scene. Ma poi le scene tagliate si buttano nella carta o nell’indifferenziato? Mai capito il comparto giusto oh.

  • Cast

Eh ma negli anime come fate?  Doppiaggio: visto che sarebbe complicato chiedere ai personaggi un’intervista, possiamo valutare l’interpretazione dei doppi-at(t)ori. Sono pur sempre attori al quadrato, no?

E basta dire che i giapponesi sono gli unici che possono doppiare anime: coi sub ita siamo bravi tutti a dirlo.

  • Direzione artistica

Ricordate i dettagli nei videogames? E che non ce li vogliamo mettere pure qua? Vedremo tutte le scenografie, i costumi, i concept, le gocce di sudore, le armature e l’intimo dei personaggi secondari messi per mero fanservice. 

Sì, son d’accordo: la Nudist Beach in Kill la Kill doveva avere molto più risalto. 


Fumetti

E di nuovo: sì, ci stanno pure i manga qua. Poi ci spiegherete perché il Giappone dovrebbe essere escluso dal pianeta Terra. 

  • Sceneggiatura

Il lavoro di meri stenti torna a grande richiesta, ora nel settore peggiore. Vedremo il nostro povero sceneggiatore soffocare dalle polveri prodotte dalla mina della matita, con occhiaie che arrivano alle labbra per dover leggere, 2 ore dopo l’uscita del fumetto che quel gigante forse non doveva comparire proprio nella quarta tavola, ma nella quinta. 

  • Disegni

L’autore di One Punch non sapeva disegnare: ha creato un capolavoro.

Traete voi le vostre conclusioni, tanto se non ci sono bellimbusti e tette direi che è inutile che qualcuno venga pagato per disegnare. 

  • Cura editoriale

Se non ci sta l’edizione limitata rilegata con originale parti in pelle dei disegnatori, non prendete neanche in considerazione l’acquisto di questo libercolo.
Poi Carlo che scusa ha per donare il suo mignolo destro? Eddai.


Che altro dire allora: vi è piaciuto fare un folle viaggio nel dietro le quinte delle recensioni di SpaceNerd? 

Allora, alla prossima! 

Seguici su tutti i nostri social!
CondividI
SpaceNerd

Account ufficiale del sito, utilizzato per articoli a nome di SpaceNerd.it o collaborativi che coinvolgono gran parte della redazione.

Pubblicato da
SpaceNerd
  • Articoli recenti

    Shin Megami Tensei, top 5 giochi da scoprire dopo Vengeance

    Introduzione a Shin Megami Tensei Nel ricchissimo panorama dei giochi di ruolo giapponesi, ce ne…

    % giorni fa

    Destiny 2, Stagione dei Desideri: fare un patto col destino!

    Ricordo come fosse ieri quando, nel 2020, pubblicai proprio qui, sulle pagine di Spacenerd, il…

    % giorni fa

    Furiosa: A Mad Max Saga, la recensione: Epica postapocalittica

    Furiosa: A Mad Max Saga, primo spinoff della serie di George MIller, racconta l'epopea del…

    % giorni fa

    Flintlock: The Siege of Dawn, l’anteprima

    Dark Souls ha definito e creato un sottogenere apprezzato e amato. Il punto che ci…

    % giorni fa

    Squisito!, la recensione: i sapori di un’Italia fantasy raccontati da Gianmarco Bonelli

    Non serve essere un avido lettore di Jundo: se avete aperto l'app e sfogliato fra…

    % giorni fa

    Love and Curse vol. 2, la recensione: il mappō di Aiko

    Questo mese è uscito il secondo volume di Love and Curse, una serie semi-autobiografica da…

    % giorni fa