News

Xbox Series X non avrà esclusive al lancio

Microsoft NON rilascerà solo su Xbox Series X i giochi first party, per i primi uno/due anni

Un po’ a sorpresa, nella serata di ieri il capo dei Microsoft Studios, Matt Booty ha annunciato che la nuova Xbox non godrà di esclusive interne per il primo periodo di vita della console, ma che tutti i giochi sviluppati dai team di Microsoft usciranno anche su Xbox One. Nell’intervista rilasciata ad MCV, Booty afferma:

Tutti i nostri giochi, come succede con i PC, potranno essere giocati su qualsiasi console Xbox, vogliamo essere sicuri che chi compri un Xbox tra ora e l’uscita di Series X abbia fatto un buon investimento, e che noti il nostro impegno nel fornirgli contenuti.

L’intervista procede poi affermando come Microsoft abbia scelto delle IP su cui concentrarsi per il lancio della console, e in particolare su Halo Infinite.

Articoli che potrebbero interessarti

Il nostro approccio consiste nello scegliere una o due IP su cui concentrarci ed essere sicure che siano pronte per il lancio della console, sfruttando al meglio le nuove features. Con Xbox Series X la nostra scelta è ricaduta su Halo Infinite che rappresenta una grande opportunità. È la prima volta in più di quindici anni che avremo Halo rilasciato in contemporanea a una nuova console e potete essere certi che il Team sfrutterà al meglio le potenzialità di Series X

Si tratta da parte di Microsoft di una scelta sicuramente inconsueta e che potrebbe rivelarsi anche controproducente soprattutto all’inizio: quanti possessori di Xbox One (e soprattutto, One X) saranno disposti a comprare Series X sapendo di poter comunque giocare gli stessi titoli senza dover comprare una nuova console, almeno per quanto riguarda il primo periodo? Sicuramente nella versione Next-Gen saranno presenti miglioramenti, ma saranno abbastanza sostanziali dal giustificare l’acquisto di una nuova console? Solo il tempo ci saprà dire se la strategia di Microsoft sarà risultata vincente, ma nel frattempo rimanete sintonizzati per aggiornamenti da qui all’uscita della console.

Seguici su tutti i nostri social!
CondividI
Daniele Tarantino

Nato praticamente con il pad in mano, ho iniziato a giocare sin dalla primissima età. Crescendo però è stata la Nintendo a dettare legge nella mia vita videoludica, per poi riavvicinarmi al multipiattaforma solamente con la PS4. Nonostante la propensione per il mondo del gaming, non disdegno altre forme di intrattenimento quali fumetti, cinema o serie TV.

Pubblicato da
Daniele Tarantino
  • Articoli recenti

    Che cos’è il City Pop? Nascita e Rinascita di un genere musicale

    Se una macchina del tempo mi trasportasse nel Giappone di metà anni '80 non credo…

    % giorni fa

    Sand Land, la recensione: l’ultima opera di Akira Toriyama

    Ventiquattro anni dopo l'originale uscita nella rivista Weekly Shonen Jump di Shueisha, Sand Land ottiene…

    % giorni fa

    Shibatarian, la recensione: La discreta inquietudine di un’idea strampalata

    Shibatarian, manga shonen a tinte horror-sovrannaturali di Katsuya Iwamuro, pubblicato in Giappone da Shueisha, è…

    % giorni fa

    Civil War, la recensione: Dio (non) benedica l’America

    Ultimo lavoro di Alex Garland prima della sua pausa dal cinema, Civil War è stato…

    % giorni fa

    No Rest for the Wicked, l’anteprima: l’atteso ritorno di Moon Studios

    Ricordo ancora quella meraviglia di Ori and the Blind Forest, alle lacrime versate già nei…

    % giorni fa

    Rascal Does Not Dream of Bunny Girl Senpai, la recensione

    Dopo anni di attesa finalmente Rascal Does Not Dream è arrivato anche in Italia grazie…

    % giorni fa