News

The Last of Us Parte 2: lacrime sul set per Joel ed Ellie

The Last of Us Parte 2 è probabilmente uno dei titoli più attesi su PlayStation. Il primo capitolo di Naughty Dog è famoso tra i giocatori per la sua capacità di coinvolgere fin dai primi minuti con scene che uniscono una fantastica colonna sonora, dialoghi e regia da pelle d’oca.

Negli ultimi giorni, Neil Druckmann è stato molto attivo su Twitter, pubblicando numerosissime immagini provenienti dal set di gioco. La prima immagine condivisa mostra la pagina conclusiva del copione, sul quale sono riportate le parole “Dissolvenza in nero” e “Fine”. Il vice presidente di Naughty Dog ha commentato la foto con un emoji triste: forse lo sviluppatore è dispiaciuto di aver finito il lavoro su questa fase del gioco, ma potrebbe voler anche dire che il finale non sarà dei più piacevoli.

Druckmann però non si ferma qui, pubblicando un altro Tweet che immortala questa volta Troy Baker e Ashley Johnson, interpreti di Joel ed Ellie, stretti in un abbraccio commovente. La foto, visibile qui sotto, è stata scattata in seguito alla fine delle riprese di quella che Druckmann ha definito la scena più ambiziosa di sempre, al punto da aver fatto commuovere tutti i presenti.

Articoli che potrebbero interessarti

Non è ancora noto l’impatto che avrà Joel nel corso di The Last of Us Parte 2, ma è evidente che il personaggio farà la propria comparsa nel corso della nuova avventura targata Naughty Dog.

Quale sia la data di uscita del gioco rimane ancora un mistero. Inoltre, con l’ufficialità di PlayStation 5, il nuovo titolo potrebbe arrivare a cavallo della next-gen per promuovere l’ormai confermata retrocompatibilità. Al momento possiamo solo augurarci che il titolo esca dalla fase di sviluppo nel migliore dei modi per poterci regalare ancora emozioni uniche.

Seguici su tutti i nostri social!
CondividI
Simone Montanaro

Sviluppatore software di professione, Simone inizia la sua carriera videoludica già dall’infanzia, crescendo nel mondo PlayStation e seguendo le orme del padre. Predilige per lo più opere con una forte componente narrativa e adora immergersi nei panni dei protagonisti che va via via a giocare. Adora alternare momenti ludici con la visione e/o lettura di opere orientali, ma non si rifiuta di approcciarsi alle novità!

Vedi commenti

Pubblicato da
Simone Montanaro
  • Articoli recenti

    Destiny 2 La Forma Ultima, la recensione: Guardiani, uniti

    Come disse il vecchio saggio, ogni viaggio prima o poi giunge al termine: con l'uscita…

    % giorni fa

    Edens Zero, la recensione: quando il fantasy incontra la fantascienza

    Edens Zero è un manga shonen di Hiro Mashima pubblicato in Giappone da Kōdansha a…

    % giorni fa

    Orfeo e gli altri: Intervista a Luca Tarenzi

    In onore dell'uscita del suo ultimo libro edito dalla Giunti, SpaceNerd intervista Luca Tarenzi, uno…

    % giorni fa

    The Rogue Prince of Persia, recensione dell’Early Access: tantissimo potenziale

    In attesa del remake di Prince of Persia: Le Sabbie del Tempo, annunciato nel 2020…

    % giorni fa

    Shin Megami Tensei, top 5 giochi da scoprire dopo Vengeance

    Introduzione a Shin Megami Tensei Nel ricchissimo panorama dei giochi di ruolo giapponesi, ce ne…

    % giorni fa

    Destiny 2, Stagione dei Desideri: fare un patto col destino!

    Ricordo come fosse ieri quando, nel 2020, pubblicai proprio qui, sulle pagine di Spacenerd, il…

    % giorni fa