Interviste

Intervista a SparaSketch

Avete mai pensato che bastino avere Photoshop, un computer prestante e una bella mano per fare fumetti? Beh, allora scusate se butto giù le vostre speranze, perché non è la cresta che fa il punk. Lo stesso si può dire del fumetto: non è il disegno perfetto che lo rende unico ma lo stile, la storia di cui si parla o le vicende che si raccontano e, soprattutto, come si narrano.

Una cosa bella dell’animazione o dei fumetti, infatti, è proprio questa: puoi raccontare TUTTO ciò che vuoi e soprattutto COME vuoi!

Questo è quello che fa SparaSketch, un giovane fumettista italiano che crea delle fantastiche vignette comiche sul web nella sua pagina Facebook in cui racconta, (con uno stile di disegno molto semplice, forse seguendo la filosofia: “Photoshop ha dei limiti, paint invece,  no“) episodi che le persone vivono tutti i giorni.

Ecco un’intervista a SparaSketch che io, Master K, ho svolto personalmente per conto di SpaceNerd.it!

ADV

K: Nome?

Sparasketch: Sono Luca Barbagallo, molto piacere

K: Professione?

Sparasketch: Studente: studio mediazione linguistica e traduzione a Pisa

ADV

K: Partiamo con le domande più interessanti, quelle un po più Nerd, ti và? Da dove deriva il tuo nickname, SparaSketch?

Sparasketch: Dunque, questa è una domanda piuttosto complicata: da sempre il mio nickname su internet/nei videogame in generale (negli RPG per esempio) è stato Sparaflesh (diciamo anche da buoni 8 anni) ma nel corso degli anni ha subito le sue dovute storpiature, ed è infatti da lì che nasce “SparaSketch”, ovvero gli ‘sketch’ di ‘sparaflesh’ appunto.

K: Ecco, il nome è lo stesso che poi hai usato nella tua pagina facebook giusto? ma parlaci di quest’ultima? Da dove ti è venuta l’idea?

Sparasketch: Esatto, ho pensato di adattare il mio nick “storico” alla pagina.  La pagina nasce letteralmente dalla noia di un pomeriggio speso davanti al pc. Ero lì a smanettare con Paint quando ho pensato bene di aprire una pagina dove buttare (senza il minimo impegno) tutti i miei sfoghi giornalieri sottoforma di sketchini elaborati, appunto, su paint.

ADV

K: Wow, quindi usi Paint, per fare le tue strisce? Parlacene, come è nato il tuo stile? (che personalmente apprezzo tantissimo) Ti sei ispirato a qualcuno?

Sparasketch: Sì, ho sempre usato solo Paint (e la versione corrispettiva di paint per il cellulare, che però è molto più difficile da gestire).
Posso dire che lo stile è nato da sé: ho sempre cercato di tenerne uno coerente con la pagina e con gli argomenti trattati, che non sono mai troppo impegnati.
Non mi sono ispirato a qualcuno in particolare, però ricordo che nel 2011 seguivo su Facebook una pagina che, sotto commissione, disegnava su paint qualsiasi cosa i fan gli chiedessero, e quindi ho pensato anche io di provare a buttare giù qualcosa sullo stesso.
La pagina e gli sketch nascono di pari passo nel 2016.

K: Ho visto che a volte nei tuoi disegni ti ispiri a film famosi, può essere ?

Sparasketch: Ahahahaha assolutamente sì, se non ricordo male però erano più serie tv che non film: una volta ho citato e parodizzato Narcos, e un’altra volta ancora ho citato Game of Thrones in “TG onesto”, poi ancora Rick & Morty, Adventure Time…

ADV

K: quindi anche tu sei un “dipendente”  da serie tv ?

Articoli che potrebbero interessarti

Sparasketch: Sono un fiero dipendente da serie tv assolutamente. Ultimamente ho allentato un po’ la presa a causa di lavoro, studio e impegni generali, però appena ne ho la possibilità cerco di approfondire anche più serie tv contemporaneamente, perché ho molti amici con cui poterne parlare e adoro il confronto.

K: Allora mi sa che qui la domanda è lecita: serie tv e serie animate preferite? Quali sono quelle serie (anche animate) che secondo te si dovrebbero assolutamente vedere?

Sparasketch: Dunque, diciamo che non disdegno né le une né le altre.
La mia serie tv preferita è (una banalissima risposta, lo so…) Breaking Bad, e la mie serie animata preferita è Code Geass.
Secondo me dei must assoluti sono appunto le sopracitate, per non parlare di Lost, How I Met Your Mother, Black Mirror, One Punch Man, Kakegurui…

K: Invece manga e fumetti? Dei vignettisti/fumettisti nati su internet (come può essere un Sio o Labadessa) ne segui qualcuno?

Sparasketch: Dunque, manga non ne ho mai letti, fumettisti e illustratori nostrani invece ne seguo un po’ (con alcuni ci sono anche amico) e per citarne alcuni: Dyarika, Bada Fra, Labadessa, Jioke (Giovanni dell’Oro), Awkwardly Matt, Melancolinie, Agnese Innocente, Folefango, Drake Famine […] Ne seguo anche alcuni stranieri, come Shen Comix, Sarah Andersen, Alex Norris, Cassandra Calin, Hannah Hillam… (potrei stare per tutto il giorno ad elencarne ahahah)

K: Hai mai collaborato con qualcuno di loro? E con chi ti piacerebbe collaborare?

Sparasketch:  Ho collaborato con Awkwardly Matt (pic related) che è anche un caro amico in realtà.
È un ragazzo molto professionale e al contempo incontra molto i miei gusti, quindi mi ha fatto molto piacere collaborarci.
Un giorno mi piacerebbe collaborare o addirittura lavorare con la Adult Swim ma per ora resta un mero sogno.

K: Ti reputi un artista o un fumettista?

Sparasketch: Questa domanda me la sono posta diverse volte, e non riesco a catalogarmi né come fumettista né tantomeno come artista.
Diciamo che preferisco che siano gli altri a dirmi cosa credono io sia.
Io mi ritengo semplicemente un normale illustratore di vignette comiche.

K: Ultima domanda: vuoi dire qualcosa ai tuoi fan o a chi ti sta conoscendo con questa intervista?

Sparasketch:  Certamente!
Ragazzi: internet è un luogo strano, sa essere cinico e terribile ma spesso sa dare anche belle notizie e buoni feedback.
Non siate stronzi: non rubate le idee degli altri, ma non siate neanche ingenui; se qualcuno vi ruba un’idea reclamatela come vostra.
Un abbraccio virtuale a tutti!
E ricordate: valar morghulis. È stato un piacere essere intervistato da voi 😀

K: Piacere nostro <3

 

Personalmente reputo SparaSketch un genio.

Spero per lui che possa continuare questa sua passione, che la sua pagina cresca e che un giorno si dia all’animazione: quel giorno noi di SpaceNerd.it lo aspetteremo a braccia aperte!

Per altre news, interviste ed/o approfondimenti seguiteci su questo sito e sulla nostra pagina facebook.

Seguici su tutti i nostri social!
CondividI
Marco Cascone

Amo il cinema, i videogiochi e la pizza. Fondatore di SpaceNerd🖖

Pubblicato da
Marco Cascone
  • Articoli recenti

    Che cos’è il City Pop? Nascita e Rinascita di un genere musicale

    Se una macchina del tempo mi trasportasse nel Giappone di metà anni '80 non credo…

    % giorni fa

    Sand Land, la recensione: l’ultima opera di Akira Toriyama

    Ventiquattro anni dopo l'originale uscita nella rivista Weekly Shonen Jump di Shueisha, Sand Land ottiene…

    % giorni fa

    Shibatarian, la recensione: La discreta inquietudine di un’idea strampalata

    Shibatarian, manga shonen a tinte horror-sovrannaturali di Katsuya Iwamuro, pubblicato in Giappone da Shueisha, è…

    % giorni fa

    Civil War, la recensione: Dio (non) benedica l’America

    Ultimo lavoro di Alex Garland prima della sua pausa dal cinema, Civil War è stato…

    % giorni fa

    No Rest for the Wicked, l’anteprima: l’atteso ritorno di Moon Studios

    Ricordo ancora quella meraviglia di Ori and the Blind Forest, alle lacrime versate già nei…

    % giorni fa

    Rascal Does Not Dream of Bunny Girl Senpai, la recensione

    Dopo anni di attesa finalmente Rascal Does Not Dream è arrivato anche in Italia grazie…

    % giorni fa