Recensioni

Recensione Dreams: quando i sogni diventano realtà

Dreams

9.1

GAMEPLAY E LONGEVITÀ

9.5/10

COMPARTO GRAFICO E SONORO

8.7/10

COERENZA E CURA DEL DETTAGLIO

9.2/10

Pros

  • Contenuti pressochè infiniti
  • Possibilità di creare qualsiasi cosa
  • Tool facile e intuitivo
  • Presenza di videolezioni di supporto
  • Caricamenti molto veloci

Cons

  • Sensore di movimento da sistemare

 Attenzione: queste prime impressioni di Dreams sono basate sul gioco in Early Access, in attesa della versione definitiva. 

Che cos’è Dreams?

Dreams è un gioco, se così si può definire, sviluppato da Media Molecule. Forse li ricorderete per i vari LittleBigPlanet. Dico “se così si può definire” perché chiamarlo gioco è davvero limitativo. Su Dreams il gioco lo creiamo noi. Possiamo mettere in concreto tutte le nostre idee creando qualcosa di veramente unico e spettacolare. Il gioco ci venne presentato come una rivoluzione, come qualcosa di mai visto. E signori e signore è davvero così, non ci sono limiti. Si può creare qualunque cosa si voglia e di qualunque genere. Vuoi creare un tuo videogioco? Puoi farlo. Ma non si limita solo a quello, puoi creare cortometraggi, disegni, sculture, insomma tutto.

La filosofia di Dreams

Al giorno d’oggi vediamo uscire sempre più giochi open world, prodotti capaci, a volte, di farci immergere in un mondo che non è il nostro ma dove vorremmo tanto vivere. Dreams lo si può vedere come un open world, ma non come gli altri. Negli altri giochi siamo rinchiusi comunque in un mondo prestabilito, qui saremo completamente liberi da tutto. Noi creiamo i nostri confini, noi creiamo dove vogliamo immergerci. Ed è proprio questa la filosofia di Dreams: noi ti diamo i mezzi, tu usali per sbizzarrirti, per dar sfogo ai tuoi desideri e ai tuoi sogni! Ed è qualcosa di semplicemente magnifico.

È difficile usare l’editor di Dreams?

“Ní”. A primo impatto il tutto potrebbe sembrare davvero complicato e complesso, ma nel gioco sono presenti videocorsi interamente doppiati e sottotitolati in italiano che guideranno il giocatore ad orientarsi nel tool. Ci sono addirittura dei tutorial fatti dagli sviluppatori stessi! I tutorial non sono sempre facili, infatti sono divisi in: facile, intermedio e avanzato. Quelli intermedi e avanzati richiederanno una maggiore attenzione, ma una volta apprese tutte le informazioni, creare il proprio gioco sarà facile e divertente. Certo, più il progetto del nostro gioco/disegno/cortometraggio/scultura sarà complicato e più le cose si faranno “difficili”, ma non preoccupatevi sarà tutto guidato!

Ma se io non voglio creare bensì giocare?

Beh buone notizie, su Dreams è presente un enorme, un infinito numero di giochi a cui è possibile giocare. Ogni persona su Dreams quando crea un gioco può pubblicarlo nel Sogniverso, un luogo magico dove i sogni degli utenti (così vengono definite le creazioni) possono essere viste, giocate e votate. Quindi non preoccupatevi, sarà impossibile stancarsi con Dreams. Oltre alla ricerca manuale dei giochi, è anche presente la “modalità zapping” dove semplicemente verranno cercati dei giochi randomicamente.

Articoli che potrebbero interessarti

Ma è possibile creare i propri modelli?

Assolutamente si, è presente la sezione “modellamento” dove è possibile modellare, appunto, i propri modelli, dando poi la possibilità di pubblicarli per metterli a disposizione di chiunque.

Ma ha anche dei difetti.

Il gioco ahimè presenta anche dei difetti ma che sicuramente verranno migliorati con la versione definitiva. Il “problema” principale è il sensore di movimento. Vedete, praticamente tutto il gioco gira intorno al sensore di movimento del dualshock ed è parecchio preciso. Quando il personaggio da noi comandato si “decentra” , andando così a impossibilitare il giocatore di svolgere correttamente tutto il lavoro, è possibile tenere premuto il tasto OPTIONS per ricalibrarlo. E questa è una buona cosa, se non si dovesse fare ogni 20 secondi. Ma confido in un miglioramento nella versione finale.

In conclusione, Dreams non è semplicemente un gioco, ma una grossa tela bianca dove dare sfogo alla propria immaginazione e creatività. Ora aspettiamo solo la modalità storia!

Mi raccomando allora, mettevi all’opera e date sfogo alla vostra immaginazione creando qualcosa di nuovo e di mai visto!

Seguici su tutti i nostri social!
CondividI
Samuele Furfaro

Mi chiamo Samuele Furfaro, ho 16 anni e faccio parte di SpaceNerd! Sono profondamente nerd fin dalla nascita, amo i videogiochi, i film e le serie tv. Credo che Game Of Thrones sia per ora la mia preferita!

  • Articoli recenti

    Shin Megami Tensei, top 5 giochi da scoprire dopo Vengeance

    Introduzione a Shin Megami Tensei Nel ricchissimo panorama dei giochi di ruolo giapponesi, ce ne…

    % giorni fa

    Destiny 2, Stagione dei Desideri: fare un patto col destino!

    Ricordo come fosse ieri quando, nel 2020, pubblicai proprio qui, sulle pagine di Spacenerd, il…

    % giorni fa

    Furiosa: A Mad Max Saga, la recensione: Epica postapocalittica

    Furiosa: A Mad Max Saga, primo spinoff della serie di George MIller, racconta l'epopea del…

    % giorni fa

    Flintlock: The Siege of Dawn, l’anteprima

    Dark Souls ha definito e creato un sottogenere apprezzato e amato. Il punto che ci…

    % giorni fa

    Squisito!, la recensione: i sapori di un’Italia fantasy raccontati da Gianmarco Bonelli

    Non serve essere un avido lettore di Jundo: se avete aperto l'app e sfogliato fra…

    % giorni fa

    Love and Curse vol. 2, la recensione: il mappō di Aiko

    Questo mese è uscito il secondo volume di Love and Curse, una serie semi-autobiografica da…

    % giorni fa