Videogiochi

PlayStation Plus Dicembre 2018: “SOMA” e “Onrush” tra i titoli di questo mese

Siamo quasi giunti a Dicembre e finalmente ci sono stati svelati i titoli che verranno resi gratuiti con il PlayStation Plus e che andranno a sostituire i titoli attuali a partire da Martedì 4 Dicembre.
Ma scopriamo insieme di che titoli stiamo parlando!

(PS4) SOMA, avventura horror in prima persona, ci ritroveremo con il nostro protagonista a vagare per una stazione sottomarina in rovina con l’intento di scoprire cos’è successo al suo interno e perchè tutti gli abitanti sembrano essere deceduti o trasformati.
Il titolo punta fortemente sulla trama che è strutturata in modo tale da non far mai calare l’attenzione al giocatore, d’altronde parliamo di un titolo che è stato sviluppato da Frictional Games (stessi creatori di Amnesia).

(PS4) Onrush, gioco di guida arcade, ma non aspettatevi il classico gioco di guida arcade al quale siete già abituati perchè su Onrush non avrà importanza arrivare a fine gara come primo classificato, ma al centro del gioco ci saranno i combattimenti con le altre auto a base di sportellate e acrobazie, un gioco originale che sicuramente vi saprà intrattenere.

ADV

(PS3) Steins; Gate, visual novel Giapponese nella quale ci viene narrata la storia di Rintarō Okabe che in compagnia della sua amica Mayuri Shiina va ad una conferenza nell’edificio nel quale è situato radio Kaikan, nel quartiere di Akihabara.
La trama sarà plasmata anche dal giocatore stesso attraverso le scelte fatte e nonostante abbia una longevità di ben trenta ore non risulterà mai noioso e scontato.

Articoli che potrebbero interessarti

(PS3) Steredenn: Binary Stars, shooter in 2D ma con una diversità rispetto ai classici che lo rende quindi interessante, ovvero che durante i livelli la disposizione dei nemici e i loro schemi d’attacco variano sempre di partita in partita, questo rende sempre diverso l’approccio con cui bisogna affrontare i livelli e rende il gioco stesso più frenetico e divertente.

ADV

(PS VITA) Papers, Please, titolo a dir poco unico per la sua originalità, noi giocatori saremo un semplice ispettore della dogana al confine del nostro paese Arstotzka, qui ogni giorno ci verrà chiesto di controllare la validità dei documenti di coloro che vogliono entrare nel nostro paese (attraverso una comoda interfaccia che anche per le lunghe non risulta mai confusionaria), ognuno di loro è spinto da una ragione e anche se i documenti non saranno del tutto in regola noi possiamo anche decidere di ignorare il tutto e concedere comunque il passaggio della dogana.
Un titolo che fa leva sulla nostra stessa moralità e sulla propria originalità.

(PS4/PS VITA) Iconoclasts, puzzle game in 2D nel quale controlleremo Robyn, una giovane ragazza che vuole semplicemente aiutare il prossimo anche a discapito del proprio interesse personale, il design dei livelli che ci vengono messi di fronte e davvero ottimo insieme a dei simpatici scontri con i vari boss che non passano di certo in sordina, il tutto accompagnato da una trama che con la prosecuzione del titolo riserva sempre più sorprese.

ADV

 

Seguici su tutti i nostri social!
CondividI
Razvan Mihalache

Hey! Sono Razvan (conosciuto anche come Razzo), ho 19 anni e che altro dire... Adoro fin da sempre giocare ai videogame, vedermi film e serie tv e leggere manga e fumetti.

Pubblicato da
Razvan Mihalache
  • Articoli recenti

    Deadpool: Il buono, il brutto e il cattivo, la recensione: Ridi, Pagliaccio

    Deadpool parte alla ricerca delle sue origini assieme a Wolverine e Capitan America. In questa…

    % giorni fa

    Che cos’è il City Pop? Nascita e Rinascita di un genere musicale

    Se una macchina del tempo mi trasportasse nel Giappone di metà anni '80 non credo…

    % giorni fa

    Sand Land, la recensione: l’ultima opera di Akira Toriyama

    Ventiquattro anni dopo l'originale uscita nella rivista Weekly Shonen Jump di Shueisha, Sand Land ottiene…

    % giorni fa

    Shibatarian, la recensione: La discreta inquietudine di un’idea strampalata

    Shibatarian, manga shonen a tinte horror-sovrannaturali di Katsuya Iwamuro, pubblicato in Giappone da Shueisha, è…

    % giorni fa

    Civil War, la recensione: Dio (non) benedica l’America

    Ultimo lavoro di Alex Garland prima della sua pausa dal cinema, Civil War è stato…

    % giorni fa

    No Rest for the Wicked, l’anteprima: l’atteso ritorno di Moon Studios

    Ricordo ancora quella meraviglia di Ori and the Blind Forest, alle lacrime versate già nei…

    % giorni fa